NOMINE – Per quelle più importanti difficile trovare la quadra. Iorio punta su “Molise acque”

Michele-Iorio
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Ci sarà ancora bisogna di rivedersi e discutere per trovare le intese giuste per la designazione di rappresentanti ai vertici  dei Consigli di amministrazione e nei direttivi di enti importanti come l’Arsap, Molise Acque, FinMolise, Molise Dati, Sviluppo Italia, etc.

Per gli effetti scaturiti dal rientro di Iorio a palazzo D’Aimmo e la posizione di Pallante che vuole conservare i posti di sottosegretario e la presidenza della IV Commissione consiliare allineato con l’asse dell’ ex Governatore Iorio.

Nell’ultima riunione dei capigruppo di qualche giorno fa non si è venuto a capo di nulla con la risultanza che con il passare delle ore non si fa altro che solidificare personalismi e veti che orientano scelte a favore di vecchie conoscenze dell’entroterra politico locale piuttosto che a un ragionamento più concreto fondato su capacità e professionalità che possano ridare fiato a un corpo territoriale vicino all’agonia.

Noi non ce ne meravigliamo più di tanto perché questa è una pratica di facciata, sebbene gli annunci rituali di questo o di quel politico, che non si estingue anzi con il passare degli anni acquista contorni sempre più marcatamente casarecci. Nelle nuova geografia delle poltrone degli enti regionali l’ex presidente Michele Iorio avrebbe precisato che in caso non acceda ad un assessorato vorrebbe mettere un suo uomo o in questo caso una donna al vertice di Molise acque (Angela Crolla?) mentre l’assessore Niro insieme a Di Lucente chiederebbero Sviluppo Italia rivendicato anche da Orgoglio Molise.

Una partita, poi, tutta da giocare quella per gli Enti più grossi ed importanti dove per i Consigli di amministrazione sono previsti, tra l’altro, gettoni di presenza o indennità remunerati abbastanza bene e per i quali c’è una corsa spietata all’ultimo respiro da parte dell’intero sottobosco della politica.

Ovviamente la matassa dovrà essere sbrogliata entro il 15 ottobre quando si dovrà andare in aula con un quadro ben definito di nomi per evitare una votazione allo sbaraglio dove salterebbero quegli equilibri di maggioranza che in queste fasi si reggono soprattutto su pratiche di questo tipo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: