CRONACA – “Bosco sicuro”, conclusa l’operazione in tutta la provincia pentra

franchitti interiors
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
5x1000 Neuromed

ISERNIA – Anche in provincia di Isernia, come in tutto il territorio nazionale, è stata portata a termine l’operazione “Bosco Sicuro” predisposta dal Comando Carabinieri per la tutela Forestale in Roma.

Dal 29 ottobre al 4 novembre, i Carabinieri Forestali delle Stazioni dislocate sul territorio provinciale hanno passato al setaccio tutti i cantieri aperti da imprese per utilizzare boschi di proprietà comunali e private.

Si è trattato di una operazione di polizia forestale condotta su vasca scala e finalizzata a verificare che i tagli boschivi, che nella realtà locale consentono sostanzialmente di ricavare legna da ardere, fossero eseguiti nel rispetto della normativa di settore, non solo negli aspetti strettamente tecnico-selvicolturali, ma anche sotto il profilo del rispetto delle norme sulla sicurezza e la regolarità della mano d’opera. Alcuni controlli sono stati svolti anche con la collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro.

I risultati ottenuti sono più che soddisfacenti. In totale sono stati effettuati 24 controlli su una superficie forestale compressiva di 58 ettari (è bene ricordare che un ettaro è esteso quanto un campo di calcio). Sono state inflitte 19 sanzioni pecuniarie, per un totale di quasi diecimila euro. Un impresario boschivo originario di Piedimonte Matese (CE) è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per un taglio abusivo che ha interessato un bosco di proprietà comunale.

“I boschi, – ha ricordato il Tenente Colonnello Gianluca Grossi, Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Isernia – oltre ad essere beni paesaggistici in senso giuridico, sono ecosistemi che rappresentano una risorsa naturale rinnovabile ma al tempo stesso fragile. I Carabinieri Forestali vigilano affinché siano scongiurati tagli non regolari e quindi illegali, per prelievi eccessivi di alberi, abusivi o eseguiti maldestramente, che finiscono per comprometterne la loro capacità auto-rigenerativa. Si tratta, in buona sostanza, di una azione in difesa della biodiversità e della stabilità dei terreni, oggi quanto mai importante per il verificarsi sempre più frequentemente di eventi meteorologici estremi che possono generare fenomeni di erosione accelerata dei suoli, nonché frane e allagamenti che talvolta possono provocare danni al patrimonio e perdita di vite umane”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

franchitti interiors
Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »