VENAFRO – “Winter Line”, mostra permanente a Palazzo De Utris. Venafro rivive la II° Guerra Mondiale

“Winter Line”, mostra permanente a Palazzo De Utris. Venafro rivive la II° Guerra Mondiale
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors
5x1000 Neuromed
Black&berries Venafro

VENAFRO – C’è una linea chiamata “Winter Line”. È una linea che racconta centinaia di storie e migliaia di volti. È una linea del passato: prossimo, non remoto.

Un confine sottilissimo tra ieri e oggi; un amarcord doloroso, e per niente nostalgico, che bussa insistentemente alle porte della coscienza.

All’improvviso un suono. Forte. Terribile. Paralizzante. È la sirena antiaerea. Comincia il racconto, la storia.

In Italia, per la precisione a Venafro (piccolo comune molisano, in provincia di Isernia) è allestita una mostra, permanente e senza precedenti, sulla seconda guerra mondiale. È intitolata “Winter Line”, per l’appunto. Sono migliaia i visitatori che “inciampano”, ogni anno, nei ritrovamenti storici frutto della passione e dell’abnegazione di tre giovani professionisti: Luciano Bucci, Renato Dolcigno e Donato Pasquale.

Si arriva nello storico Palazzo De Utris, nel centro della cittadina, e comincia un vero e proprio viaggio. Autentico. “Tutto quello che la mostra espone – spiega Luciano Bucci – è il risultato di due decenni di ricerche sul posto. I primi ritrovamenti li abbiamo fatti a circa 12 anni, sulle montagne”.

Gli occhi non fanno in tempo a soffermarsi su un oggetto che, immediatamente, rimangono colpiti da un’altra scena perfettamente ricreata con oggetti e indumenti che il territorio ha restituito: scarpe, vestiti, divise, medicine, occhiali, effetti personali. Per non parlare delle lettere, strazianti.

Si legge di un figlio appena ventenne che augura buon Natale alla propria famiglia; una fidanzata che, dietro al bancone del negozio si china per scrivere, velocemente, una lettera al proprio fidanzato americano. Quante speranze, quanti sentimenti.

“Questa mostra si chiama ‘Winter Line – spiega Bucci – proprio perché interessa il periodo delle battaglie tra il novembre del ’43 e il marzo del ’44. Periodo in cui, dopo una serie di lunghi tentativi, le forze alleate riuscirono a sfondare lungo la Casilina piegando, così la resistenza tedesca”.

Accanto a una vetrina, anche la signora Lina e le sue 87 primavere.

“Sono cose – afferma Lina – che non potrò mai dimenticare. È troppo brutta la guerra. A 14 anni si è abbastanza grandi da poter ricordare tutto perfettamente, senza inganni. Era esattamente tutto così. Come vediamo qui”.

Una mostra che è in continua crescita, arricchimento.

“Chiunque avesse degli oggetti del secondo conflitto bellico – conclude Bucci – noi siamo a disposizione per accoglierli. La storia deve continuare a raccontare per salvare le coscienze. Questo è il passato che continuerà a vivere nel presente e nel nostro futuro”.

Antonella Oliva

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »