CRONACA – “Pacco Free”: droga occultata nel cibo per lo spaccio in carcere. In 7 in manette

carcere larino
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
5x1000 Neuromed
franchitti interiors

LARINO – Droga nascosta nei pacchi destinati ai detenuti per lo spaccio all’interno del carcere, questa la scoperta fatta dai Carabinieri della Compagnia di Larino e dal Reparto di Polizia Penitenziaria.

Nelle prime ore della mattinata odierna in Larino (CB), Santa Croce di Magliano (CB), Vasto (CH), Ciampino (RM) e Guidonia Montecelio (RM) i militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, in particolare quelli del Nucleo Operativo della Compagnia di Larino e del Reparto di Polizia Penitenziaria presso la Casa Circondariale di Larino, con il supporto delle Compagnie Carabinieri Territorialmente competenti e del PRAP di Roma e con l’ausilio di unità cinofile antidroga del Comando Legione Carabinieri Abruzzo e Molise e del PRAP, hanno dato esecuzione a 7 misure cautelari, emesse dal GIP del Tribunale di Larino su richiesta del già Procuratore f.f. dott. Antonio La Rana della locale Procura della Repubblica, attualmente diretta dalla dott.ssa Isabella Ginefra, a carico di altrettanti soggetti di nazionalità italiana, resisi responsabili del reato di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti aggravato e continuato (artt. 81 e 110 c.p., 73/1°c. e 6°c. e 80/1°c. lett.g. del D.P.R. 309/1990).

L’attività d’indagine, coordinata dal dott. La Rana, e condotta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Larino e del Reparto di Polizia Penitenziaria presso la locale Casa Circondariale ha permesso di evidenziare che alcuni detenuti per approvvigionarsi di sostanze stupefacenti, da spacciare all’interno del Carcere, utilizzavano vari sistemi, alcuni dei quali molto creativi e fantasiosi.

A volte venivano spediti nell’Istituto penitenziario pacchi postali contenenti principalmente derrate alimentari, all’interno delle quali venivano occultate sostanze stupefacenti. Altre volte erano i familiari ammessi ai colloqui a portare lo stupefacente, occultato nella carne cotta, sulla persona, negli indumenti intimi, nelle suole delle scarpe o incollato nei lembi dei plichi destinati ai detenuti.

L’attività investigativa, iniziata nel mese di aprile di quest’anno, a seguito del rinvenimento di oltre 100 grammi di hashish occultati nella suoletta delle scarpe spedite a un detenuto, ha portato poi al sequestro complessivo di 403 grammi di hashish e cocaina, all’arresto in flagranza di 5 persone, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine, denominata “Pacco Free”, condotta con l’ausilio di attività tecniche, osservazioni, pedinamenti e perquisizioni, ha consentito di individuare a carico dei 7 destinatari delle misure cautelari e di altre 9 persone per le quali si procede in s.l. (complessivamente 16) gravi indizi di colpevolezza in ordine alle attività di detenzione con finalità di spaccio di sostanza stupefacente del tipo hashish e cocaina, recapitata ai detenuti per la successiva commercializzazione all’interno della Casa Circondariale di Larino.

All’operazione effettuata nella mattinata odierna hanno preso parte circa 30 militari dell’Arma dei Carabinieri dei Comandi Provinciali di Campobasso, Chieti e Roma e circa 14 agenti della Polizia Penitenziaria di Larino e del PRAP Roma. L’operazione “Pacco Free” ha consentito di ottenere i seguenti risultati complessivi:
– 12 arresti, di cui 5 già arrestati in flagranza di reato e 7 misure cautelari eseguite, questa notte, in ottemperanza di altrettanti provvedimenti restrittivi richiesti dall’A.G.;
– 9 denunce in stato di libertà;
– 403 grammi di sostanze stupefacenti sequestrate tra hascisc e cocaina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »