DERBY – Il Campobasso gioca ma non riesce a concretizzare, poi tre gol annullati e occasioni mancate da Magri e Fagnani

pasta La Molisana
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO –  E’ un Campobasso che convince ma non riesce a vincere in casa, quello visto all’opera oggi nel derby anticipato di un’ora per la sfilata dicembrina dei Misteri.

Una vittoria che manca dalla gara contro l’Isernia, giocata ormai più di un mese fa. Se nel gioco e nel carattere la squadra di Bagatti dimostra di aver raggiunto una certa sicurezza, è nella fase di concretizzazione che serve lavorare ancora un po’. L’innesto di Musetti ha dato sicuramente peso ad un reparto che da troppo tempo aspettava un centravanti di razza che potesse giocare di sponda con Giacobbe. I tre gol annullati ad Alessandro e le due occasioni nitide con Magri e Fagnani hanno penalizzato oltremodo la squadra di casa che avrebbe meritato i tre punti.

Il Campobasso scende in campo per la prima volta con 4-3-3 puro, con il nuovo acquisto Alessandro a dare manforte al duo Musetti-Giacobbe. Da Dalt parte per la prima volta in panchina, così come l’under Di Pierri che lascia la maglia all’altro neo-acquisto Lo Bello (tra i migliori in campo dei suoi).
Lo scontro salvezza parte subito con i rossoblù in avanti e al 5’ c’è il primo gol realizzato da Alessandro ma poi annullato per posizione di fuorigioco. Passano solo cinque minuti e al 10’ insacca ancora Alessandro dopo uno scambio tra Merio e Giacobbe, ma anche stavolta Braccini di Macerata ravvede una posizione di fuorigioco del centravanti argentino. A nulla servono le proteste dei giocatori in campo, e degli ottocento spettatori presenti, per un probabile tocco di un difensore granata prima che la palla giungesse sui piedi del neoacquisto rossoblù.
Al 20’ si fa viva l’Agnonese che va direttamente in gol alla prima azione pericolosa. Nyang dalla destra appoggia per Ricciardi che fa partire il tiro della domenica che finisce sotto il sette. Niente da fare per Sposito, 0-1 e palla al centro. I granata prendono coraggio e si fanno vivi per ben due volte nei paraggi dell’estremo difensore di casa. Prima Jawo ci prova in contropiede ma conclude fuori, poi è Nyang a tirare tra le braccia dell’under rossoblù.
Subito dopo arriva il pareggio del Campobasso: ottimo l’assist di Giacobbe con l’esterno per Musetti che supera Kuzmanovic mettendo in rete sul secondo palo. La partita si riapre e i padroni di casa iniziano a fare la voce grossa. Ottimi gli scambi a centrocampo tra Merio, Giacobbe e Danucci che producono l’occasione ottimamente sfruttata da Musetti per la sua prima doppietta a Selvapiana.
Si va a riposo sul 2-1 e, senza cambi, inizia il secondo tempo con la squadra di Bagatti proiettata in avanti. È Magri a sbagliare da solo davanti all’estremo granata un gol praticamente fatto. Gol mangiato, gol subito. Al 56’ Salifù approfitta di una distrazione difensiva del duo Marchetti-Allocca.
La reazione del Campobasso arriva in parte. Prima Fagnani sbaglia un altro gol fatto davanti a Kuzmanovic, poi è Alessandro ad andare in rete ma per la terza volta l’arbitro annulla per una posizione di fuorigioco da moviola. Finisce con un punto che fa bene solo all’Agnone e che non riesce a schiodare il team del presidente Circelli dall’ultima posizione in classifica. Da annotare le ottime prestazioni dei nuovi arrivi, Alessandro e Lo Bello, che con Musetti e Giacobbe sono stati tra i migliori in campo.
Andrea Zita

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: