VENAFRO – Operazione “last dose 2”, blitz antidroga all’alba. 6 arresti, tutti avente per cognome Casamonica o Spada

VENAFRO – Operazione “last dose 2”, blitz antidroga all’alba. 6 arresti, tutti avente per cognome Casamonica o Spada
Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
DR F35 Promozione
DR 5.0 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana

CRONACA – Blitz antidroga questa mattina a Venafro, condotto dai Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, i quali hanno arrestato sei persone.

L’operazione, eseguita insieme al Nucleo Cinofili dell’Arma di Chieti e ad un elicottero del Raggruppamento Carabinieri di Pratica di Mare, ha portato all’esecuzione di sei misure cautelari: cinque in carcere e una agli arresti domiciliari. Il gruppo era composto da Spada Pino e la moglie Spada Anna Norma, Spada Giuseppe (figlio di Pino e Anna Norma) e la consorte Casamonica Eleonora, Spada Enrico e la convivente Spada Giovannina. Eleonora Casamonica è la figlia di Ferruccio Casamonica, membro di spicco del clan arrestato lo scorso luglio a Roma per tentato omicidio, estorsione e rapina.

La banda, composta da soggetti di etnia rom, era dedita allo spaccio di cocaina, hashish e marijuana in tutta la provincia pentra, in particolare a Venafro e Isernia.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Isernia e dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Venafro, sono state eseguite attraverso pedinamenti ed intercettazioni che hanno permesso di scoprire il carattere senza scrupoli della banda. I sei, infatti, durante l’attività di spaccio portavano con loro i propri figli sperando in questo modo di eludere i controlli. Tra gli acquirenti, inoltre, anche tanti minorenni.

Uno dei testimoni delle indagini è stato perfino malmenato e minacciato di morte all’interno di un esercizio commerciale di Isernia, affinché ritrattasse le sue dichiarazioni. L’uomo, per fortuna, ha trovato il coraggio di denunciare l’accaduto. Minacce anche per un altro dei testimoni, accompagnato fisicamente da Pino Spada presso il Palazzo di Giustizia di Isernia per depositare una denuncia contro i Carabinieri in Procura, affermando falsamente di essere stato costretto dai militari a dichiarare di aver acquistato la droga dagli arrestati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: