Caduta dei capelli, qualche mito da sfatare e alcuni consigli utili

caduta dei capelli
5x1000 Neuromed
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors
Black&berries Venafro

Caduta dei capelli, qualche mito da sfatare e alcuni consigli utili.

La caduta dei capelli è un problema molto particolare, che può influenzare in maniera negativa la fiducia e l’autostima di chi ne soffre. Una condizione che, andando ad intaccare l’aspetto esteriore di un uomo, come prima conseguenza genera condizioni psico-somatiche come la depressione e l’ansia, agendo (di conseguenza) pesantemente sull’umore delle persone. Per questa ragione si tratta di un disturbo che andrebbe affrontato nel miglior modo possibile sin dalle prime avvisaglie, e che andrebbe studiato e trattato sempre nel modo corretto. Evitando i falsi miti.

Caduta dei capelli: tutti i miti da sfatare

Come detto, molto spesso la caduta dei capelli viene vissuta come un vero e proprio trauma psicologico. E questo ci porta ad essere molto sensibili nei riguardi delle dicerie che è possibile leggere in giro sul web. Ecco alcuni dei miti più diffusi:

  • Caschi e cappelli fanno perdere i capelli: sono numerosi gli italiani che credono che la caduta dei capelli possa dipendere dal casco o dall’utilizzo del cappello. Non è affatto così, anzi: proteggere il cuoio capelluto dal sole può addirittura rivelarsi d’aiuto;
  • La caduta è legata ai troppi lavaggi: anche qui ci si trova di fronte ad un luogo comune, perché non è affatto vero che lavare spesso i capelli aumenti la caduta. Al contrario, è giusto fare un lavaggio tutte le volte che se ne avverte l’esigenza, per una questione igienica;
  • Usare il gel fa cadere i capelli: nessun prodotto di questo tipo può impattare sulla salute del capello, e lo stesso vale per le cere, lo shampoo e via discorrendo. Questi prodotti, infatti, non sono in grado di penetrare negli steli;
  • Le tinte: una tintura non danneggia la chioma (a patto che non sia permanente), perché non penetra nel nucleo dei filamenti;
  • Le spazzolature frequenti: usare la spazzola non produce un grande stress alla capigliatura, dunque non strappa i capelli. Quelli che rimangono sulle spazzole, infatti, sono i capelli giunti alla fine del loro ciclo vitale;
  • Il fumo: il fumo è un pessimo vizio, ma che non impatta direttamente sulla calvizie. Non esiste una correlazione scientifica fra la caduta dei capelli e le sigarette;
  • Il taglio frequente: tagliare i capelli non produce effetti né in termini di aumento di caduta, né per quanto riguarda il rafforzamento della chioma.

Consigli utili contro la caduta dei capelli

Innanzitutto è sempre bene consultare un tricologo specialista, al manifestarsi dei primi segnali di caduta eccessiva, così da poter capire quali soluzioni intraprendere. In generale è comunque il caso di fare sport e di tenere una dieta alimentare sana ed equilibrata, integrata con alimenti specifici come il salmone, i legumi, la frutta secca, gli spinaci e le cipolle. Poi possono tornare utili anche i prodotti pensati per contrastare la caduta, come ad esempio le vitamine per capelli, ottime perché agiscono dall’interno. In questo senso può essere d’aiuto anche la riduzione dello stress, che può avvenire nei modi più disparati (dalle passeggiate allo yoga). L’importante, alla fine, è non farsi prendere dal panico e seguire i consigli giusti. Evitando allo stesso tempo di credere ai falsi miti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »