AMBIENTE – Discarica di Sassinoro, il Tar concede tempo per osservazioni e altre relazioni tecniche

Presidio permanente sotto la neve discarica Sassinoro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Il Tar Campania ha sospeso ieri la trattazione della causa contro la decisione della Regione Campania di costruire un impianto di smaltimento dei rifiuti per 22 mila tonnellate annue da realizzare al confinre tra il Molise e la Campania nella valle del Tammaro tra Sassinoro e Sepino.

Come comunicano la rete delle Associazioni che hanno informato le autorità locali e regionali che si sono costituite contro tale provvedimento, il Tar Campania nella seduta di ieri attraverso questa decisione permetterebbe con la riapertura dei termini di far pervenire osservazioni dal Comune di Sassinoro dalla Comunità montana Alto Tammaro dalla Provincia di Benevento e da altri soggetti istituzionali sulla procedura di impatto ambientale su un atto prodotto dalla Regione Campania in sede di giudizio e quindi impugnative, osservazioni di merito o atti tesi ad evidenziare in sede di valutazione di incidenza e di impatto ambientale possibili alterazioni, criticità, difficoltà o incongruenze connesse con l’istituzione del Parco Nazionale del Matese, con la presenza del fiume Tammaro e della Diga di Campolattaro-Morcone, con aree protette, siti di interesse comunitarie, zone di protezione speciale, aree di natura 2000, siti sottoposti a vincolo come il Tratturo Pescasseroli-Candela, questioni attinenti la vicinanza a centri abitati, fabbricati privati, capannoni o aziende, e/o ogni altro rilievo di qualsivoglia tipologia o causa attinenti le ricadute sul territorio della realizzazione dell’impianto di trattamento rifiuti.

Intanto continua la tenacia della comunità di Sassinoro (BN) che presidia il territorio anche durante le festività e nonostante le temperature artiche. IlTAR Campania ha riaperto sul piano procedurale l’opportunità anche per la Regione Molise e le Amministrazioni locali del versante molisano interessate, di produrre rilievi in sede di contenzioso atti a tutelare la Valle del Tammaro, il sito di Saepinum-Altilia, il Tratturo Pescasseroli-Candela. il fiume Tammaro, il Massiccio del Matese e le innumerevoli aziende agricole, turistiche, artigianali, zootecniche, commerciali e ricettivo-culturali del proprio territorio.

In aggiunta a tutto quanto continuano le delibere di adesione al Parco nazionale del Matese. In questa direzione il Consiglio comunale di Morcone ha adottato una delibera di adesione al Parco Nazionale del Matese per far in modo che anche sul versante molisano si proceda nella stessa direzione. È da ricordare che in sede di approvazione dell’ultima manovra finanziaria per il 2019 lo Stato ha comunque garantito trasferimenti finanziari aggiuntivi ed assunzioni di personale a tempo indeterminato in altri Parchi Nazionali di recente istituzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: