VENAFRO – “Presepi in mostra”, si chiude con successo l’esposizione alla Palazzina Liberty

franchitti interiors
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Black&berries Venafro
Pubblicità Molise Network

EVENTO – Grande successo per la rassegna nazionale “Presepi in mostra”, l’esposizione di presepi ed opere ispirate alla natività tenutasi presso la Palazzina Liberty di Venafro.

La mostra, organizzata dall’Associazione Nazionale Amici del Presepio con il patrocinio del Comune di Venafro, comprendeva circa 40 opere provenienti da tutta Italia e appartenenti a stili diversi. Presenti ieri sera, presso la Palazzo Cimorelli, per i meritati riconoscimenti alcuni presepisti insieme al sindaco Alfredo Ricci, all’assessore alla Cultura Dario Ottaviano, all’assessore alle Politiche Sociali Angela Maria Tommasone e alla consigliera Annamaria Buono.

Ai partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione e di ringraziamento per aver reso unica questa mostra. Un “grazie” speciale è andato a don Giuseppe Cellucci, vice Parroco della Parrocchia di San Simeone di Venafro e Assistente Ecclesiastico Nazionale dell’Associazione Italiana Amici del Presepio, e ad Arturo Parrillo, anch’egli membro dell’associazione, per aver contribuito fattivamente all’organizzazione dell’esposizione.

“Presepi in mostra” ha richiamato tantissimi visitatori, non solo venafrani ma provenienti anche da fuori regione, come conferma l’assessore Ottaviano.

“Sono contento che la mostra abbia avuto un buon successo, – ha detto l’assessore – mi aspetto per l’anno prossimo un successo maggiore. La mostra è stata visitata da tantissime persone, anche durante la due giorni dedicata a Venolea che ha visto arrivare tantissime persone anche da fuori regione. Spero che l’anno prossimo sia molto meglio organizzata e più partecipata, inoltre mi auguro che i presepisti l’anno prossimo arrivino più numerosi, contiamo di nuovo sulla loro presenza, sulla loro partecipazione e auspichiamo che ci facciano anche da promotori per l’evento”.

Un evento che ha emozionato tutti, anche i più piccoli, come dimostra una frase lasciata da Gaia Pucci, una giovane visitatrice di 14 anni.

“Nei miei 14 anni di vita non ho mai prestato molta attenzione ai presepi, solo i più particolari attiravano la mia attenzione e devo dire che questi hanno centrato il segno; anche i più semplici hanno suscitato in me emozioni particolari. Un presepe degno del suo nome dovrebbe parlare al cuore di chi lo guarda e i presepi di questa mostra fanno chiasso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: