CALCIO – Dopo Forlì, Bagatti “Non abbiamo limiti, andiamo avanti”

Mister bagatti
franchitti interiors
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Pubblicità Molise Network
Black&berries Venafro

CAMPOBASSO – Fermare questo Campobasso sembra impossibile.

Una squadra sempre più lanciata verso le zone alte della classifica è stata capace di rifilare in dieci uomini due gol al Forlì, ormai ex contendente per la zona play out, vendicando la sconfitta subita a Selvapiana. In casa rossoblù si può iniziare a sognare puntando la bussola verso lidi che fino a un mese fa sembravano irraggiungibili. La vittoria è arrivata dopo aver sofferto tantissimo il forcing dei padroni di casa e la direzione arbitrale assolutamente sotto la media. A fine partita sono stati tre gli espulsi tra le fila rossoblù: Lo Bello, Minadeo e Bagatti. Come dichiarato in conferenza stampa, per il mister modenese è stata la prima espulsione in carriera.

“Ho un gruppo incredibile, ognuno è pronto ad aiutare il compagno dall’inizio alla fine. Devo solo ringraziare i miei ragazzi per l’impegno e lo spirito nella ricerca del risultato anche in dieci. Sapevo come poter far male al Forlì, per questo ho mantenuto lo stesso modulo anche in inferiorità numerica”.
Queste le parole di Bagatti che anche a Forlì ha messo in scena un piccolo miracolo tattico. Dopo l’espulsione, infatti, ha arretrato Giacobbe e inserito Antonelli al posto di Lo Bello, mantenendo in piedi un 4-3-2 che ha permesso ai suoi di difendere e rilanciare le sortite offensive di Cogliati e Alessandro. Sul finale è stato inserito anche il nuovo attaccante Islamaj per dare fiato ad Alessandro e cercare di mantenere il baricentro alto.
Entrambi i gol sono stati di ottima fattura tecnica e tattica, l’inserimento e la veronica di Ranelli fanno il paio con la discesa sulla sinistra di La Barba e il tacco di Alessandro. Due perle applaudite anche dallo sportivo pubblico di casa. Più di qualche spettatore ha dichiarato di aver visto all’opera la migliore squadra passata al Morgagni in questa stagione.
Al Forlì, guidato in campo da Cascione, ex Cesena in serie A, non sono bastati i cinque minuti di recupero assegnati per recuperare il gap, segnale di una buona tenuta atletica e mentale da parte dei Lupi. Il Campobasso, con quella di ieri, sale a sei vittorie in sette gare e vola a 30 punti con una gara da recuperare. Adesso i play off sono solo a 5 lunghezze e l’ostacolo Jesina di domenica prossima non sembra preoccupare più di tanto.
Andrea Zita

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: