IMMIGRAZIONE – Sea Watch, lo studio legale Di Pardo valuta ricorso al Tar contro il ministro Salvini come per la Diciotti

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO –  Immigrazione l’avv. Salvatore Di Pardo noto avvocato amministrativista di Campobasso che rappresenta una serie di Ong impegnate in azioni di salvataggio, studia nuovo ricorso al Tar contro il ministro Salvini anche per la Sea Watch come fu fatto per la Diciotti nell’agosto scorso. In una sua nota si legge

“Noi facemmo ricorso al Tar con una serie di associazioni perché chiedevamo quale è l’atto che consente al ministro e a tutto il governo di tener ferme le persone su una nave, atteso che la libertà di circolazione può essere limitata solo da un intervento dell’autorità giudiziaria. Perché Salvini può fare deroghe alle procedure? È questo il punto: e vale sia per la Diciotti, che è una nave italiana e quindi i migranti saliti a bordo erano già in territorio italiano, che per la Sea Watch 3, che è nave olandese, ma ha soccorso migranti e ha diritto ad attraccare in un porto sicuro, tra i più vicini evidentemente. Questo dice la legge”.

“L’intervento del Tribunale dei ministri – spiega l’avvocato – è quasi un atto dovuto alla luce di quello che è stato il comportamento del ministro Matteo Salvini. Noi lo avevamo evidenziato davanti al giudice amministrativo. Avevamo all’epoca impugnato i provvedimenti in seguito al tweet di Salvini con il quale di fatto era stata impedita l’attività della Pubblica amministrazione e di fatto impedito lo sbarco dei migranti. Oggi il Tribunale riconosce che non è stato un atto politico, ma un’azione indebita del ministro sull’attività amministrativa che di fatto ha confinato esseri umani su una nave. Una conferma delle argomentazioni contenute nel ricorso al Tar che poi è stato immediatamente seguito dallo sbarco dei migranti”.

“Nel caso della Diciotti – aggiunge Di Pardo – non c’era un provvedimento strutturato che diceva perché si derogava alla procedura amministrativa di far sbarcare queste persone e perché si derogava a quanto stabilito dai trattati internazionali. C’era solo un tweet del ministro. Mi sembra che si continuino a mischiare le posizioni sull’immigrazione con il salvataggio delle persone in mare. Il tutto è invece regolato da leggi italiane e internazionali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: