REGIONE – Scintille in aula nella Lega, Toma illustra gli interventi per i lavoratori fuori dai cicli produttivi

ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino

CAMPOBASSO – Lavoratori in presidio stamane in Consiglio regionale  soprattutto quelli che aspettano la mobilità in deroga, una storia lunga ormai che si trascina da mesi e che si riferisce soprattutto alla ex Ittierre, ad altre aziende e quindi a coloro che una volta erano occupati nell’isernino.

Uno scenario di politiche passive e quindi di relativi finanziamenti statali e regionali su cui si è soffermato il Governatore Toma il quale ha riferito in aula le somme richieste al Ministero del lavoro su cui quest’ultimo ha voluto nei primi giorni di gennaio di quest’anno appurare la destinazione e le motivazioni.

Circa 117 milioni di euro stanziati per le politiche passive in Bilancio stabilite dal Governo che dovrebbero coprire in Molise in parte alcune annualità di cassa integrazione mobilità in deroga accompagnamento alle uscite dai cicli lavorativi e quant’altro, formano un ombrello previdenziale molto ampio dove le richieste sono tantissime.

Per l’ex Ittierre sono fissate 9,5 milioni di euro, 2,5 milioni di euro per i lavoratori della Gam, somma necessaria per coprire i 5 mesi di cassa integrazione scoperti, 4,5 milioni di euro per la sistemazione di pagamenti di altri lavoratori rimasti senza occupazione. Un esborso enorme per il quale il presidente della Regione ha sottolineato che richiederà il sostegno della Conferenza delle Regioni con l’auspicio che le istanze che arriveranno dal Molise vengano ben capite e sostenute soprattutto per gli ex Gam ed Ittierre. Per alcune pendenze relative agli anni 2016 e 2018 passati, Toma ha, poi, aggiunto che si adopererà in tal senso fiducioso che ciò possa avvenire anche sulla scorta di quanto è stato fatto in passato dallo stesso Minisetrro del Lavoro.

Sul piano politico scintille ormai che scottano in casa “Lega con Salvini” tra le consigliere regionali Aida Romagnuolo e Mena Calenda.

La prima, infatti, nella votazione dell’aula indirizzata al riposizionamento delle presidenze delle Commissioni dopo le dimissioni dalla Quarta Commissione di Quintino Pallante e quindi l’accettazione del documento per l’assegnazione alla stessa Commissione della Calenda, si è astenuta. Un atteggiamento che ha fatto scattare la Calenda che ha richiesto spiegazioni sulla posizione assunta dalla collega di gruppo, rimaste tuttavia inevase. E in tale contesto per ricomporre le presidenze e le Commissioni si  sono dimessi da queste ovviamente Cefaratti e Calenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: