CALCIO – Campobasso VS Isernia, il derby del Molise sabato al Selva Piana

Campobasso Calcio
franchitti interiors
Pubblicità Molise Network
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Black&berries Venafro

CAMPOBASSO – Torna il Derby del Molise per la 26^ giornata del girone F.

Se dovessimo misurare sulla bilancia il peso delle due squadre, al momento, l’ago penderebbe di sicuro sulla squadra del capoluogo di regione che, di fatto, è imbattuta da ben dodici turni. Come ben sappiamo, trattandosi di derby, il valore reale delle rose a disposizione dei due mister passa in secondo piano. In questi casi, il carattere e la voglia di vincere contano più di tutto il resto. All’andata finì con la vittoria del Campobasso sul filo di lana. Il gol di Improta arrivò al 92′. Quando tutti pensavano ad un pareggio ad occhiali, Landi non riuscì a respingere prima della linea di porta la punizione sibillina dell’attaccante napoletano.

Nel frattempo i rossoblù hanno scavalcato i cugini pentri che ora si trovano impelagati in piena zona play-out dopo l’ultimo capitombolo con la Jesina. La sconfitta ha interrotto il buon momento della squadra di Silva che era riuscita a conseguire sei risultati utili consecutivi. I 24 punti in classifica dei biancocelesti sono frutto di 5 vittorie, 9 pareggi e 11 sconfitte. Tra le fila della squadra isernina, nella settimana che precede il derby, l’influenza sta pesando oltremodo sulla preparazione della gara. Romano e Iaboni, infatti, non si sono allenati con costanza ma faranno di tutto per esserci e dare una mano ai propri compagni.

Sette i precedenti in serie D tra le due formazioni. Tre i precedenti al Nuovo Romagnoli che hanno visto la squadra di casa sempre vittoriosa. Nel 98/99 toccò a Gigi Caliano, con una doppietta, regalare la festa ai propri sostenitori. Stesso destino per Armanetti l’anno dopo quando, nella stagione della promozione in serie C, il capitano fece letteralmente crollare la Curva Nord con una punizione a filo d’erba che beffò barriera e portiere. L’ultimo successo del lupo nel 2015/16, neanche a farlo apposta, è targato Alessandro, l’attaccante argentino tutt’ora protagonista al Selvapiana.

Mister Bagatti, pensando alla disponibilità dei propri uomini, sembra dormire sonni tranquilli. Con il ritorno di Ranelli e il recupero di La Barba, sono tutti arruolabili i giocatori rossoblù. Quasi sicuramente verrà schierata la formazione tipo con lo schema offensivo 4-3-3. Il grattacapo è dato dalla staffetta in avanti che si ripropone dopo il rientro a pieno regime di bomber Musetti. Lo stato di forma di Cogliati, però, è talmente lampante da rendere difficile la scelta. Sicuramente Sposito sarà tra i pali, Magri e Marchetti centrali, La Barba e Lo Bello sugli esterni, Danucci, Antonelli e Di Lauri al centro del campo, Alessandro, Cogliati (o Musetti) e Giacobbe pronti a spingere la palla in rete.

Andrea Zita

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: