VENAFRO – Ceppagna, barista arrestato per spaccio di droga

arresto ceppagna pusher droga polizia
Pubblicità Molise Network
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors

DROGA – È stato tratto in arresto con l’accusa di spaccio il 42enne titolare del bar di Ceppagna.

La Squadra Mobile ieri lo ha trovato in possesso di un ingente quantitativo di hashish e per questo è stato disposto il trasferimento in carcere, dove si trova tuttora rinchiuso.

L’attenzione della Polizia di Stato di Isernia sul fenomeno dello spaccio di sostanza stupefacente è molto alta, come dimostrano i numerosi servizi posti in essere negli ultimi periodi su disposizione del Questore Roberto Pellicone.

Nella giornata di ieri, infatti, personale della Squadra Mobile durante un’attività di controllo ed osservazione ha notato il 42enne uomo che, guardingo, accedeva all’interno di un appartamento più volte permanendovi solo qualche minuto.

Come spiegato dalla Questura, il soggetto è stato dunque pedinato ed il suo atteggiamento sospettoso ha portato gli investigatori ad effettuare un controllo. L’uomo è stato fermato e da subito si è mostrato particolarmente nervoso quindi si è ritenuto opportuno verificare cosa detenesse all’interno del locale. Si è quindi proceduto ad effettuare una perquisizione locale.

All’interno dell’abitazione sono stati rinvenuti immediatamente sul tavolo della cucina un coltello, delle forbici e diverso materiale per il confezionamento della droga, su di una velina di plastica circa 0,3 gr di sostanza stupefacente del tipo cocaina, il tutto a dimostrazione dell’attività illecita in atto. Dopo una accurata verifica dei luoghi i poliziotti della Squadra Mobile hanno rinvenuto all’interno di una cristalliera un bilancino di precisione per la pesatura delle dosi e nascosti all’interno del vano contatore avvolti in carta da imballaggio trasparente 4 panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish del peso complessivo di circa 405 gr, pronti per essere suddivisi in dosi ed immessi sul mercato isernino.

Il soggetto è stato quindi condotto presso gli uffici della Questura pentra e dopo le formalità di rito tratto in arresto per il reato di cui all’art. 73 DPR 309/909 e accompagnato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, presso la Casa Circondariale di Isernia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: