SEGRETERIA PD – Facciolla “Un partito aperto, soprattuto a giovani professionisti ed amministratori”

SEGRETERIA PD - Facciolla
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSOVittorino Facciolla nella sede del Pd in piazza Maddalena a Campobasso e Michele Durante in via Albino in uno studio privato locale. Due voci in conferenza stampa che dovrebbero fare coro nello stesso partito ma che per il momento si contrappongono nella campagna “elettorale” per la conquista della segreteria del partito democratico del Molise.

Inizia Facciolla alle ore 10,00 nella vecchia sede del Piddi appartamento al terzo piano con scale in arrampicata senza ascensore nel centro storico del capoluogo regionale.

“Ho sempre militato nel Pd tranne la parentesi del 2013 quando ho composto una lista civica a sostegno del presidente Frattura. Prima ho svolto il ruolo di l’amministratore senza compiti di vertice quindi ho fatto il sindaco nel mio paese San Martino in Pensilis poi il vicepresidente della Giunta regionale con Paolo Di Laura Frattura a capo di una lista che a San Martino in Pensilis ha portato 1600 voti. Il modo con cui ho composto le mie due liste liste oggi per la Segreteria  si richiamano alla mia esperienza politica e amministrativa. La scelta che presento in questo momento mi pare naturale come seguito del mio percorso politico. Sono per un centrosinistra moderato non voglio entrare assolutamente in polemica con gli altri due antagonisti Buono e Durante e nel caso farò il segretario regionale del partito mi avvarrò dell’esperienza e della presenza di tutti. Il Piddi dovrà essere un partito aperto a tutti plurale calato sul territorio. Le mie liste sono formate da giovani e amministratori locali. Abbiamo quarantenni e trentenni dappertutto da Sesto Campano a Montenero di Bisaccia”.

Facciolla è presente per le Primarie nazionali e soprattutto per la conquista del vertice della segreteria regionale del Pd con due liste per un totale di 120 candidati.

“Non è un momento di battaglia la data del 3 marzo, ma una festa per ricominciare il giorno dopo con una nuova ventata di centrosinistra. Abbiamo in lista anche ragazzi del ’99 del ’98 e del ’97 a dimostrazione dell’attenzione che si nutre per la rifondazione anche anagrafica del partito”

Sulla partecipazione della uscente segretaria Fanelli al centro della spaccatura nel momento delle passate Regionali dice.

“Grande coraggio di Micaela che ha mostrato un’incredibile generosità con un atto politico intelligente ancora di più se ce n’era bisogno di saperlo nel momento in cui sono state compilate le liste. Abbiamo persone che hanno aderito spontaneamente appartenenti a tutto l’arco della società civile, avremmo potuto presentare anche una terza lista”.

La sua squadra appoggia Zingaretti ma non mancano iscritti e simpatizzanti che voteranno per il Nazionale Giacchetti e Martina.

“Il 3 marzo penso che sia un momento alto di democrazia. Io spero che votino prima gli iscritti non vorrei che ci siano truppe cammellate o inciuci vari. Appoggiamo Zingaretti dopo aver spinto su Minniti e poi composto un patto in tal senso con lo stesso Ministro dell’Interno e Matteo Ricci segretario organizzativo del Piddì. In questa direzione i rapporti miei personali con Martina e Rosato rimangono ottimi. Votiamo Zingaretti per quella spinta riformista che appartiene alla sua mozione  senza la quale non l’avremmo appoggiata. Non ho avuto bisogno della ‘lettera di patronage’: il successo avuto a San Martino da Zingaretti in fase di mozioni è eloquente e  credo non si sia riscontrato in nessun altro comune d’italia: su 80 votanti, 78 hanno preferito lui. Se qualcuno parla di comportamenti ondivaghi, io risponderò coi numeri: a me interessano i temi del territorio, il Pd ha bisogno di una forte rappresentanza e non di ‘segretari conto terzi’.

Sulle primarie per i prossimi appuntamenti elettorali per prima le Amministrative di Campobasso e Termoli sottolinea.

“le Primarie rappresentano una partita all’interno di un partito – ha detto Facciolla – una manifestazione alta di democrazia. Ecco perché non mi interessa rispondere a provocazioni e polemiche ora abbiamo il dovere di ricostruire riportando l’appeal del partito tra la gente attraverso una forte condivisione di obiettivi. da qui bisogna ripartire per lavorare per un centrosinistra con le porte aperte figlio di una sinistra di governo e non antagonista”.

La ricomposizione di una nuova segreteria che riporti rilancio e fiducia nel partito che negli anni passati è stata un po’ l’elemento di divisione del partito e che in qualche maniera ha condotto alla clamorosa spaccatura e alla sconfitta del centrosinistra nelle ultime regionali.

“Se sarò io a guidare la segreteria  – ha assicurato Facciolla – ci saranno chiare indicazioni comportamentali: un’organizzazione forte, grande presenza sul territorio, proposte sui temi e proposte alternative ai temi. abbiamo bisogno di un partito capace di difendere le scelte e di leggere criticamente gli errori commessi, per una nuova visione di futuro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: