FONDI PROTEGGI ITALIA – Battista risponde a Federico “10 milioni di euro per il dissesto sono irrisori”

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Qualche giorno fa l’on. Antonio Federico dei Cinque stelle aveva annunciato lo stanziamento per il Molise di 9.862.485,28 milioni di euro per la messa in sicurezza del territorio.

Finanziamenti del Piano “Proteggi Italia” che prevede un investimento statale di oltre 11 miliardi di euro. Quindi oltre nove milioni di euro per il triennio 2019-2021 finalizzato al dissesto idrogeologico del territorio dove insistono oltre 5 mila frane alcune minacciano interi abitati, e la maggior parte delle strade provinciali e comunali, per non parlare di quelle di bonifica e dei vari Consorzi, tutte fuori uso.

Un intervento, quindi, troppo limitativo per una regione come il Molise dilaniata da smottamenti e terremoti e da altri fenomeni naturali causati dalla scarsa manodopera attuata in loco su cui sono intervenuti i giudizi di rappresentanti delle Istituzioni tra cui quelle del sindaco di Campobasso a cui ha risposto con toni contrapposti ovviamente come era naturale lo stesso Federico portavoce del provvedimento illustrato qualche giorno fa  dal premier Conte.

Insomma per il sindaco Battista e quale presidente della Provincia di Campobasso circa 10 milioni di euro per cominciare a risistemare un territorio regionale che secondo alcune stime avrebbe bisogno di 400-500  milioni di euro sono troppo pochi, e siamo d’accordo, diciamo noi sono in questo caso “una fumata di sigaretta”.

“Parto dal presupposto – osserva in una nota il sindaco di Campobasso i risposta a Federico – che per fortuna siamo ancora in un Paese democratico dove è possibile esprimere la propria opinione e il proprio punto di vista. Libertà di espressione e senso critico che non ho mai smarrito, nemmeno quando a Roma c’era un governo amico: è una questione di onestà intellettuale, che mi appartiene e che difendo, oggi come ieri. All’onorevole Antonio Federico ribadisco, con orgoglio, il concetto che i 9 milioni di euro, risultato sbandierato come fosse una panacea, sono pochi per far fronte alle reali esigenze di questa regione.

Esigenze che, nella veste di sindaco e di presidente della Provincia, conosco molto bene e che l’esponente dei 5 Stelle dovrebbe conoscere ancor meglio e tutelare a spada tratta perché parliamo dello stesso territorio e della stessa comunità. Tutela che non ha colore politico, o che non dovrebbe averlo. L’onorevole ha scritto che il mio intervento postato sui social è stato mosso da malafede o da incompetenza aggiungendo che i 9 milioni di euro sono solo la prima tranche di un stanziamento a noi destinato. Ebbene sottolineo ancora una volta che la somma è irrisoria, ma allo stesso tempo mi auguro che l’onorevole abbia ragione: se dovessero arrivare ulteriori fondi, non esiterò a manifestare i miei apprezzamenti, come ho già fatto in altre occasioni. Amo la mia terra e da anni mi batto affinché non venga penalizzata solo perché periferica.

Le nostre necessità sono concrete: parlano di infrastrutture e di rilancio economico ed occupazionale, ma si scontrano con le volontà di un governo che incoraggia il regionalismo differenziato, che promuove lo spopolamento istituzionale e che non ha avuto remore a privarci anche di finanziamenti, che già ci erano stati accordati, come quelli destinati alle periferie. Un’importante opportunità di sviluppo per il capoluogo e per la creazione di un prezioso indotto che avrebbe riqualificato aree abbandonate e creato posti di lavoro. Una mossa che ci ha tarpato le ali frenando un percorso di crescita su cui avevamo investito speranze ed energie. Amo la mia terra ecco perché continuo a rimarcare ciò di cui abbiamo bisogno, aggiungo inoltre che non mi sento ‘imbarazzante’, perché stigmatizzare un provvedimento che ritengo insufficiente è soltanto sintomo di responsabilità. Lo dico da amministratore e da cittadino.

Le sterili polemiche non mi appassionano, mi piacerebbe invece poter condividere le mie perplessità e le mie preoccupazioni con chi davvero crede nelle nostre potenzialità con chi scommette sul nostro futuro, con chi non vuole veder scomparire questa regione.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: