REGIONE – Nola (M5S) “Il tartufo molisano manca di un proprio marchio di identità”

Vittorio Nola
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Tartufo, la sua bontà non mette d’accordo la politica. E se da una parta la Romagnuolo esulta per l’abbassarsi dell’Iva che ne incentiva il mercato, dall’altra c’è il consigliere regionale del M5S  presenta una mozione molto articolata sulla coltivazione commercializzazione e pubblicizzazione spiegandone il motivo.

“La Regione Molise non rispetta la legge che disciplina la raccolta, la coltivazione e la commercializzazione dei tartufi molisani. Il risultato è che, al momento, non si conosce l’ammontare della dotazione finanziaria che riguarda gli interventi nel settore e non si conoscono le attività finanziate con tali risorse sin dalla data di approvazione della legge regionale che risale al 2005: non se ne conoscono né gli importi né i destinatari. Intanto la stessa Regione ancora deve programmare il finanziamento delle attività previste dalla legge vigente e riferite all’anno 2019, e ancora non istituisce il marchio di identità dei tartufi raccolti nel territorio regionale, come invece previsto nella stessa legge.

L’architrave normativa che riguarda il settore è formata da due leggi: la numero 24 del 2005 e la numero 4 del 2008, secondo le quali tanto può fare l’ente regionale per dare spessore al settore tartuficolo in termini economici. In base alla legge 24/2005, infatti, per finanziare le politiche del settore tartuficolo, la Giunta regionale può disporre spese per studi, ricerche, sperimentazioni, dimostrazioni, divulgazioni ed assistenza tecnica nel settore e per la coltivazione nei vivai regionali di piante idonee alla tartuficoltura; può concedere contributi per attuare programmi di tutela e valorizzazione dei tartufi, contributi alle associazioni o unioni di associazioni di cercatori di tartufi e contributi a Province, Comuni, Comunità montane ed enti per organizzare fiere, mostre, manifestazioni e convegni riguardanti il tartufo e la tartuficoltura. Una norma importante ma non rispettata in varie parti.

L’articolo 11 della legge n. 24/2005, ad esempio, prevede che “la Giunta regionale, entro 90 giorni dall’entrata in vigore della norma, istituisce un marchio di identità dei tartufi raccolti nel territorio regionale”, uno strumento utile a rendere più competitivo il prodotto molisano sul mercato nazionale e internazionale, ma ancora assente. Non solo.

L’articolo 20 della legge 2005, invece, prevede che le entrate derivanti dai tesserini di idoneità e dalle sanzioni amministrative confluiscono in un capitolo di bilancio apposito e sono destinate a studi, ricerche, sperimentazioni, dimostrazioni, divulgazioni ed assistenza tecnica nel settore, alla coltivazione di piante idonee alla tartuficoltura e alla concessione di contributi per specifici programmi di tutela e valorizzazione dei tartufi in Molise. Ebbene, al momento, non è possibile quantificare queste risorse né capire se e come vengono utilizzate.

Da segnalare, infine, il fatto che nel 2009 è stato istituito il ‘Centro di Ricerca e Sperimentazione per la produzione di piantine tartufigene’ presso il vivaio forestale ‘Selva del Campo’ a Campochiaro, ma delle cui attività non si conosce alcun dettaglio.
Alla luce di queste carenze, il MoVimento 5 Stelle ha presentato una mozione che impegna il governatore Donato Toma e l’assessore regionale delegato all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, a compiere tre passi fondamentali:

individuare e finanziare, in tempi brevi, eventuali progetti pubblici e/o privati che intendano utilizzare le risorse disponibili sull’apposito capitolo di bilancio o, in loro assenza,

sollecitarne nelle forme più opportune la presentazione;

istituire un marchio di identità dei tartufi raccolti nel territorio regionale; riferire in Consiglio regionale circa lo stato di attuazione del progetto ‘Centro di ricerca e sperimentazione per la produzione di piantine tartufigene’, relazionando per iscritto su costi e ricavi e sul raggiungimento degli obiettivi prefissati a medio e lungo termine”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
pasticceria Di Caprio
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro
colacem
panettone di caprio
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: