CRONACA – Diga di Chiauci, nove persone a giudizio. Appropriazione indebita, abuso e ingiusto vantaggio tra accuse

chiauci-diga-vuota
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

DIGA DI CHIAUCI – Nove persone a giudizio, il 23 aprile l’udienza preliminare.

Su richiesta del procuratore della Repubblica Giampiero Di Florio il gup del Tribunale di Vasto Italo Radoccia ha rinviato a giudizio due ex commissari e il direttore del Consorzio di Bonifica Sud di Vasto, e altre sei persone per accuse, a vario titolo e in concorso, che vanno dall’aver procurato un ingiusto vantaggio all’appropriazione indebita per indennità di rimborso e spese non dovute e all’abuso per lavori da decine di milioni di euro per la realizzazione della diga di Chiauci, iniziata nel 1985, che ricade in tre comuni della provincia di Isernia: Chiauci, Pescolanciano e Civitanova del Sannio.

Imputati gli ex commissari Fabrizio Marchetti e Rodolfo Mastrangelo, il responsabile unico del procedimento Michelangelo Magnacca, il direttore del Consorzio di Bonifica Sud Nicolino Sciartilli, il commissario regionale della convenzione Sandro Annibali, gli ingegneri Sante Di Giuseppe, Giovanni Sportelli e Gilda Buda e l’imprenditore Giuseppe Latte Bovio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: