POLITICA – “Prima il Molise”, fuori dalla Lega Calenda e Romagnuolo presentano il Movimento

Calenda Romagnuolo Prima il Molise
pasta La Molisana
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Ufficialmente fuori dalla Lega.

Con la presentazione del loro nuovo gruppo in Consiglio regionale “Prima il Molise” le due consigliere regionali, le due “guerriere” come si autodefiniscono, Aida Romagnuolo e Filomena Calenda rappresentano da oggi un’altra cellula politica della maggioranza di centrodestra “Autonoma sovranista indipendente e poplulista per un Molise libero e migliore“.

“Un seme nel centrodestra – come hanno entrambe  sostenuto – che non si limiterà ad appoggiare passivamente ma pronto a sostenere anche con l’opposizione iniziative a vantaggio e utili per la comunità come già abbiamo fatto in altre occasioni sin qui. Questo significa che la maggioranza che sostiene il Governatore non sarà sempre piena ma capiterà che ci saranno posizioni pari e questo certamente non sarà un buon segnale”.

Hanno aggiunto.

“Proveremo a fare qualcosa di diverso e migliore. Basta con i molisani che sono solo spettatori di passerelle dei big della politica nazional e quindi usati solo per le competizioni elettorali, noi saremo due guerriere fuori dal coro e questo Movimento dovrà diventare protagonista come gli altri per le scelte del territorio e quindi delle decisioni mirate alla guida degli enti locali.”

E’ evidente che si candidano già da adesso a sedere ai prossimi decisori per l’individuazione dei sindaci di Campobasso e Termoli dove annunciano di aver pronte candidati sindaci e liste a sostegno di quest’ultimi.

Fuori dalla Lega soprattutto Aida Romagnuolo non lascia la battaglia contro l’assessore al lavoro Mazzurto che invita a dimettersi dal governo Toma non avendo più la rappresentanza in Consiglio regionale di alcun consigliere. La Romagnuolo  puntando il suo avversario ormai da tempo continua a emettere giudizi negativi sul suo operato e sull’indennità che percepisce di oltre 12 mila euro al mese  avvisando anche che se questo non avvenisse “Toma il Bilancio se lo facesse votare da altri“.

Insomma la guerra contro l’assessore esterno al lavoro e la Lega era inevitabile che continuasse visto che sono state espulse dal partito dove hanno tirato fuori tantissimi voti. Ora sarà interessante e curioso vedere come si comporteranno concretamente e realmente le due consigliere in Consiglio regionale dove il presidente Toma in caso restassero in maggioranza  con un piede dentro e l’altro pronto a contestare le scelte di quest’ultima potrebbero avere più di qualche problema per il suo centrodestra che causa il loro comportamento dovrebbe presentarsi in aula sempre al completo per qualsiasi convocazione e votazione che in essa avverrà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: