SANITA’ – Screening oncologici, Cinque stelle: “Sono attività aggiuntive?”

screening oncologici
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors
Pubblicità Molise Network
Black&berries Venafro

CAMPOBASSO – Screening oncologici, i portavoce dei Cinque stelle in Consiglio regionale chiedono al presidente Toma attraverso un’interrogazione di chiarire una serie di dubbi in merito alla gestione degli screening oncologici da parte della Regione Molise negli ultimi 18 anni.

9 le questioni aperte:

  • se è vero che l’Asrem ha considerato le attività di screening ‘attività aggiuntive’;
  • quali e quanti sono stati i costi aggiuntivi pagati per tali prestazioni a partire dal novembre 2001;
  • in quali presìdi e in quante occasioni è stata utilizzata l’unità mobile di controllo per l’effettuazione degli screening oncologici;
  • quali sono stati i costi, diretti e indiretti, sostenuti per l’utilizzo dell’unità mobile;
  • cosa prevedono i protocolli in merito al tempo di comunicazione degli esiti degli screening ed entro quanto tempo sono stati trasmessi i risultati eseguiti nell’unità mobile per gli anni dal 2016 al 2018;
  • con quali modalità sono stati trasmessi i risultati;
  • di chi era la responsabilità di comunicare alla donne interessate questi risultati;
  • quali sono state le percentuali di screening oncologici eseguiti nel triennio 2016-2018;
  • quali sono le azioni programmate per il prossimo triennio, anche in riferimento all’ampliamento delle fasce di età pre e post screening;

“Lo screening oncologico – concludono i portavoce M5S – è un servizio fondamentale di prevenzione che la sanità deve garantire in piena trasparenza e con la massima efficienza.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: