EVENTO – “Cammina, Molise! in Argentina”, presenti sei marciatori di origine molisana

EVENTO - “Cammina, Molise! in Argentina”, presenti sei marciatori di origine molisana
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Pubblicità Molise Network
franchitti interiors

DURONIA – Per il quinto anno consecutivo il cammina, Molise! ha marciato in terra argentina.

Il “cammina, Molise!”, il format ideato e coordinato dall’A.C. La Terra di Duronia, che da 25 anni ormai porta persone da ogni parte d’Italia ed anche dall’estero a camminare in Molise, è sbarcato oltreoceano ed ha messo ben salde le radici in Argentina. Camminare, suonare, ballare, cantare, conoscere in modo conviviale per rafforzare i legami tra le comunità dei molisani in Argentina ed i cittadini che vivono nei comuni molisani, con l’obiettivo di far nascere un flusso turistico mitigato di ritorno capace di dare nuova linfa alla rinascita delle terre interne molisane.

Cinque edizioni di “cammina, Molise! in Argentina”. 2015, la prima di Mar del Plata nel 2015, l’edizione della novità e della commozione, la seconda di Rosario nel 2016, l’edizione della conferma e della programmazione, la terza di Cordoba nel 2017, l’edizione della familiarizzazione e della molisanità che travalica ogni confine etnico o geografico, la quarta di la Plata l’edizione del confronto costruttivo. La quinta, quella appena conclusa del 2019 a Buenos Aires, è stata l’edizione della conclamazione ufficiale del successo della manifestazione, ma anche delle varie problematiche legate al prosieguo ed agli obiettivi.

A Buenos Aires, la Capitale, la sensazione, percepita anche nelle edizioni precedenti, e la conseguente soddisfazione, che la molisanità si palesasse tra le centinaia di partecipanti agli eventi organizzati per il 2 e 3 marzo scorsi, in occasione della quinta edizione del “cammina, Molise! in Argentina”, è scaturita netta

Il 2 marzo, già dalle ore 16, nel foyer del maestoso teatro Coliseo di Lomas de Zamora, accanto ad una gigantografia rappresentante i loghi del “cammina, Molise! in Argentina”, dell’A.C. La Terra e della “colectividad molisana en Argentina”, Dante, Edilia e Carina, a nome del Coordinamento dell’Organizzazione, hanno iniziato a dare il caloroso benvenuto alle numerosissime rappresentanze venute ad assistere all’evento che solennemente doveva sancire l’inaugurazione della V.a Edizione della Manifestazione. Alle 17 il teatro, in ogni ordine degli 800 posti, in galleria ed in platea, era già pieno. A sinistra del proscenio, con sipario ancora chiuso, spiccava illuminata anche qui la gigantografia verticale dei loghi delle Associazioni. Un mormorio appena percettibile, poi il silenzio assoluto mentre il maestoso sipario rosso si apriva, subito dopo, a sipario completamente aperto, un lunghissimo applauso a salutare una selva di stendardi e gonfaloni, gagliardamente impugnati da uomini e donne vestiti con i tradizionali costumi molisani, a rappresentare le Associazioni ed i Gruppi folcloristici delle varie città argentine. Col sipario aperto su questa coloratissima scenografia, il pubblico in piedi, l’esecuzione dell’inno nazionale argentino e subito dopo quello italiano hanno ufficialmente aperto, nella commozione collettiva, l’evento “cammina, Molise! in Argentina – V Edizione”. Subito dopo, per quattro ore consecutive, l’esibizione magistrale e appassionata dei dieci gruppi folcloristici che hanno attirato l’attenzione e preso i cuori degli ottocento presenti, che generosamente ha ripagato con sinceri e lunghi applausi il sudore e la bravura dei tanti molisani d’argentina, uomini e donne, ragazzi e adulti, che hanno saputo rendere omaggio alle radici della cultura contadina molisana.

Indimenticabile anche la serata. L’incontro conviviale di benvenuto, organizzato dalle comunità molisane presso la sede dell’Associazione Sant’Anna nel quartiere Teimperley, ha offerto anche momenti di riflessione su quanto stava accadendo e su quali direttrici incalanare l’enorme lavoro in fase di produzione per questa edizione della manifestazione ma anche per il lavoro prodotto nelle edizioni precedenti. In una atmosfera surreale, tra asado, tango e folclore molisano, splendidamente ed orgogliosamente interpretato dal Gruppo Gioia d’Italia, ci sono stati momenti di confronto costruttivo tra le varie Associazioni, italiane e Argentine, espressione del volontariato, e le delegazioni della Regione Molise, del CIM, del Consolato e della municipalità di Buenos Aires, espressione delle istituzioni.

Domenica 3 marzo la manifestazione ha in programma la camminata, ma Buenos Aires è quasi vuota per via delle ferie di Carnevale. Plazoleta Las Nereidas, all’inizio di Porto Madero, alle 9 di mattina inizia ad accogliere i marciatori. I tavolini con su tante magliette e dietro poche persone intente a distribuirle a tante altre, correttamente in fila. Puntuali i marciatori provenienti dall’Italia, un numero straordinariamente alto rispetto alle altre edizioni: 40 persone! 32 sono marciatori collaudati di “cammina, Molise!”, prevalentemente soci dell’A.C. La Terra e dell’Ass. Pontieri del Dialogo. Poi, a rappresentare la Regione Molise, la veterana Maria Tirabasso e per la prima volta a “cammina, Molise! in Argentina”, dopo cinque anni, finalmente un rappresentante politico, Quintino Pallante, sottosegretario della Giunta. E’ presente anche una delegazione del CIM, composta da Antonio D’Ambrosio e Rossella Gianfagna, e del Comune di Jelsi, con Daniele Martino e Maria Grazia Iacovelli. A questa quinta edizione ha voluto fortemente garantire la propria presenza Michele Petraroia, che nel 2015, all’epoca Assessore ai Molisani nel Mondo, contribuì alla nascita di questa manifestazione; Michele è venuto anche per rappresentare l’Ass. Padre Giuseppe Tedeschi, insieme a Chiara D’Amico di Jelsi. Da sottolineare anche la presenza di un altro veterano, Gianni Spina venuto da Cercemaggiore, e quella di Francesco Santoro, venuto da Campobasso a portare i costumi tradizionali dell’Ass. La Mantigliana indossati da ragazzi argentini in varie occasioni durante la manifestazione.

Il gruppo, appena partita la marcia, ad una prima occhiata pare non essere quello chilometrico degli anni precedenti, ma è sufficientemente lungo, colorato e rumoroso da attirare l’attenzione di passanti attoniti e da bloccare spesso il traffico cittadino. Si cammina lungo lo splendore e la suggestione di Puerto Madero. Classica la procedura della sfilata, ormai collaudata da tanti anni di “cammina, Molise!”: musici all’inizio del corteo, con organetti, tamburelli e quant’altro di gradevolmente rumoroso, l’immancabile megafono che cadenza il significato della marcia, tutte le magliette dei marciatori e tutti gli stendardi delle svariate Associazioni con gli emblemi della Regione Molise. Tra gli svariati eventi da ricordare durante la camminata, senz’altro merita un caloroso plauso l’esibizione, sul Ponte de La Mulher, della nostra Michela Botti che ha commosso gli astanti che l’hanno ascoltata, esibendosi nel poderoso canto “Todo cambia” di Merecedes Sosa. La camminata, dopo cinque chilometri, arriva allo storico Hotel de los Inmigrantes, punto d’arrivo di milioni di emigranti, venuti da tutti gli angoli del pianeta nel corso di 100 anni, tra i quali tantissimi italiani. L’edificio è attualmente sede del Museo e dell’ufficio centrale delle Migrazioni. Qui la manifestazione si è conclusa, dopo una visita accurata ed emozionante in tutti i reparti del museo. Si son viste persone in raccoglimento davanti a   semplici oggetti (valige, documenti, foto, oggetti personali, etc.), per rammentare la storia di sacrifici. Molti dei nostri camminatori, molisani d’Argentina delle tante città, hanno confessato, con le lacrime agli occhi, di essere venuti per la prima volta a visitare il museo.

Nel piazzale davanti al Museo, nelle prime ore del pomeriggio, c’è l’ultimo raduno dei partecipanti. Le Associazioni si fanno portatrici di proposte progettuali che consegnano alla delegazione regionale e si confrontano con le altre delegazioni presenti. Poi il momento dei saluti, il lunedì si riprende a lavorare, bisogna affrontare viaggi lunghissimi, date le distanze eccessive tra le varie città argentine.

A complemento della manifestazione, altri impegni di rilevante importanza sociale e culturale hanno visto protagonisti i partecipanti italiani nella città di Buenos Aires nei giorni a seguire. Fruttuosa la visita al Centro Molisano Monforte, dove una decina di docenti motivatissimi, in questa sterminata periferia alle prese con problemi di vivibilità, sicurezza e speranza, insegna la lingua italiana ad un centinaio di adulti, gestisce una scuola dell’infanzia con 150 bambini, promuove corsi di arte, musica e canto, e ha una capacità di sognare nuove attività con i residenti di alcuni paesi molisani. Importante e carico di valori sociali l’omaggio reso a figure di religiosi di origine molisana che a Buenos Aires hanno operato. Presso la Sede degli Scalabriniani si è voluto ricordare l’opera di Padre Mario Santillo, figlio di un emigrante di Toro (Cb), allievo di Papa Francesco e tra i principali studiosi dei fenomeni migratori a livello mondiale. A Villa Itati, uno dei barrios più degradati della Capitale, c’è stata l’inaugurazione di un asilo nido intitolata a Padre Giuseppe Tedeschi, originario di Jelsi, che qui operava tra gli ultimi e che fu per questo barbaramente ucciso dalla triplice A durante la dittatura militare; il comune di Jelsi e l’A.C. La Terra in questa occasione hanno donato una cucina per il fabbisogno dell’Asilo.

Da quanto, pur sinteticamente descritto, qualche considerazione è utile farla.

L’organizzazione basata sul volontariato. Bisogna sottolineare la capacità organizzativa basata su un lavoro esclusivamente volontario ed il forte attaccamento alle radici. Il tutto qualificato da consolidati risvolti culturali e solidali della comunità di origine molisana in Buenos Aires ed in tutte le altre maggiori città, come Rosario, Mar del Plata, Cordoba, La Plata, delle quali rappresentanze nutrite delle varie Associazioni hanno partecipato alla V edizione della manifestazione affrontando anche sacrifici con dispendio di tempo e denaro, che, nell’Argentina instabile di questi momenti critici, marca la sensibilità e la dignità di centinaia di persone.

L’importanza della partecipazione italiana. Per la prima volta in cinque anni la Regione Molise ha partecipato con un proprio rappresentante politico, legittimando ed omaggiando il lavoro prodotto a favore di un evento che vuole internazionalizzare il valore delle terre molisane. Per la prima volta c’è stata la partecipazione di delegazioni ufficiali importanti, quali la Confederazione Italiani nel Mondo, l’Ass. Padre Tedeschi ed il comune di Jelsi, che, con la loro presenza, hanno voluto sottolineare il risvolto culturale e sociale della manifestazione. Per la prima volta un nutrito gruppo di partecipanti (32 marciatori di “cammina, Molise!”) è venuto dall’Italia e di questi solo sei di origine molisana, a sottolineare, ancora una volta, che la “molisanità” attecchisce facilmente anche fuori dai confini geografici e può essere facile e possibile veicolo per quel flusso di turismo mitigato che la nostra Associazione promuove ormai da oltre 25 anni.

Un patrimonio da non dissolvere. Il grande successo della V Edizione di “cammina, Molise! in Argentina – Buenos Aires 2019” ha contribuito a rinsaldare i rapporti tra le varie associazioni dei molisani in Argentina ed a creare nuove basi di collaborazione con la Regione Molise e le associazioni molisane per fortificare e sostenere il progetto di “cammina, Molise!”: il semplice gesto del cammino può generare un volano per lo sviluppo delle aree interne del Molise in sinergia con i molisani in terra argentina e con i molisani sparsi in tutto il mondo. Non disperdiamo questo patrimonio! Bisogna attivarsi già dai prossimi mesi, Associazioni e Istituzioni insieme, per a)organizzare la prossima edizione della manifestazione: c’è la possibilità di tornare a Mar del Plata per “cammina, Molise! in Argentina-2020” che dovrebbe svolgersi a “Laguna de los Padres”; b)riorganizzare la parte tecnico-amministrativa, secondo le nuove normative, di tutte le Associazioni in Argentina, in maniera da renderle attive e legalmente riconosciute anche nei rapporti con gli enti pubblici e privati in territorio italiano; c)incentivare il flusso verso la manifestazione (ed il successivo tour) in Argentina di partecipanti italiani, ma anche argentini e di altre nazioni, delegando questo compito a chi volesse adoperarsi in questo settore, in accordo con le Associazioni, attingendo possibili risorse non solo dagli stessi partecipanti, ma anche dove possibile presso il pubblico ed il  privato; d) permettere (con le deleghe di cui sopra) con apposite misure di agevolazioni il flusso di argentini di origini molisane verso la manifestazione in Molise, con tour di complemento, supportato da apporti culturali legati prevalentemente alla conoscenza ed alla riconoscenza delle radici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

MESSAGGI POLITICI ELETTORALI »

Luigi Petroni Lega
Antonio Battista sindaco

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

MESSAGGI POLITICI ELETTORALI »

Luigi Petroni Lega
Antonio Battista sindaco

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Gabetti Franchising Agenzy

    GABETTI FRANCHISING AGENZY

    by on
    Gabetti Franchising Agenzy Corso Campano, 44 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 901566 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • kartostyle

    KARTOSTYLE

    by on
    KARTOSTYLE Via Marco Tullio Cicerone, 14 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900336 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Dimensione Sport

    DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Venafro Palace Hotel

    VENAFRO PALACE HOTEL

    by on
    Venafro Palace Hotel Strada Statale 85 Venafrana – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865  904437 © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: