CIA Molise – Il direttore Donato Campolieti puntualizza sul Def della Regione

donato campolieti cia
Molise infissi Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mood cafè VENAFRO
officina venafro power car
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Def (Documento economico e finanziario) della Regione Molise la Cia Molise osserva.

“Tre le criticità presentate dalla Cia Molise, – ha puntualizzato il direttore Donato Campolieti – la prima, riguarda la mancata previsione della quota di cofinanziamento per il Psr. L’assenza della voce di cofinanziamento, significa, ritardo nei pagamenti, con la conseguenziale compromissione della fattività dei progetti, a discapito degli imprenditori agricoli molisani.

Altra criticità, osservata dal direttore Campolieti, concerne

“La mancata previsione dei fondi per il risanamento del debito del Consorzio di Bonifica “Termoli-Larino”. Questo, secondo il direttore della CIA Molise, significa che il debito consolidatosi sulla gestione del patrimonio infrastrutturale continua ad alimentare pratiche non corrette. L’assenza di manutenzione ordinaria delle strade interpoderali e dei canali, compromette, anche in questo caso, la situazione degli agricoltori, la quale, senza una giusta ripartizione dei fondi per le opere pubbliche, si tradurrebbe in un ennesimo prelievo dalle tasche dei contribuenti, costretti a manutentare le opere pubbliche con fondi personali”.

L’ultima problematica, sottoposta all’attenzione del Presidente della Giunta, Donato Toma e del Presidente della I Commissione Consiliare, Andrea di Lucente, riguarda

“I danni causati dalla fauna selvatica, che ha già prodotto svariati milioni di debiti, all’incirca 3 milioni e duecentomila. Nel bilancio sono previsti solo 500 mila, cifra che non riesce a coprire neppure i danni causati per il solo anno 2018. Sono ormai noti a tutti i danni, come è anche notoriamente risaputo, che gli agricoltori non sono più liberi di produrre in condizioni di sicurezza e questo incide, nuovamente, sugli agricoltori e sugli imprenditori agricoli. Il massimo della previsione per un agricoltore è non subire alcun danno, ma una volta accertata la sua entità, sarebbe fondamentale per la sopravvivenza delle attività agricole, la liquidazione certa del risarcimento e non  in seguito a procedure giudiziarie, portate avanti dagli agricoltori, ormai disillusi, per i mancati riconoscimenti da parte della regione.
Auspico che le osservazioni della CIA – conclude il direttore Campolieti – vengano prese in seria considerazione e qualora dovessero servire ulteriori specificazioni e delucidazioni, sono ben felice di poter contribuire alla stesura di un ottimo bilancio per tutto il nostro Molise”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

pubblicità »

Gabetti agenzia Venafro
KARTOSTIYLE Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

pubblicità »

Gabetti agenzia Venafro
KARTOSTIYLE Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

error: