EVENTO – Matera, nella capitale della cultura si ricordano Vito Marcantonio e Arturo Giovannitti

Picerno Capitale dei Diritti dei Più Deboli
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Nel novero degli eventi promossi in Basilicata per “MATERA – CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA” per il 2019 – oggi alle 18.00 presso la Sala Consiliare Comunale di PICERNO (PZ), località di origine della famiglia del parlamentare ed avvocato italo-americano VITO MARCANTONIO, si terrà la manifestazione “PICERNO – CAPITALE DEI DIRITTI DEI PIU’ DEBOLI”.

Partendo dal libro di Carmine Curcio “ Vito Marcantonio il Deputato di East Harlem difensore dei diritti umani” ci si soffermerà sulle sofferenze di milioni di italiani, in gran parte meridionali, che arrivarono a New York e negli Stati Uniti d’America nella prima metà del Novecento. Questa massa di braccianti, contadini o artigiani poverissimi, per lo più analfabeti, in quel periodo era nell’ultimo posto delle classi sociali, sfruttata, oppressa e discriminata da una società dominata dagli anglosassoni e dagli irlandesi. Se si pensa che gli italiani che giungevano a New York parlavano 55 dialetti locali, che rendevano poco comprensibili anche i rapporti tra veneti, siciliani, abruzzesi o sardi, si ha la percezione di quali fossero le difficoltà di integrazione di famiglie mal tollerate perché vivevano anche in dieci persone in due stanze o in un sottoscala, si lavavano poco e per di più erano cattolici e non protestanti. In quel coacervo di arrivi, partenze, suicidi, scioperi, bande criminali, crisi, contrabbando e sfruttamento, l’elezione di Fiorello La Guardia a primo Sindaco italo-americano di New York rappresentò una svolta, un appiglio e una ragione di orgoglio per tutta la comunità. Tra le personalità più vicine a Fiorello La Guardia ci furono due emigranti meridionali, il primo Arturo Giovannitti, poeta e sindacalista molisano che guidò le lotte operaie, venne condannato a morte, assolto grazie ad una sua memorabile autodifesa in inglese, proseguì il proprio impegno in difesa di Sacco e Vanzetti, dedicandosi al giornalismo, al teatro e alle associazioni progressiste politiche e sindacali.

Il secondo Vito Marcantonio, avvocato, eletto per sette legislature dal 1934 al 1950 al Congresso degli Stati Uniti d’America e protagonista indiscusso delle lotte per l’integrazione dei migranti, i diritti dei lavoratori e per l’emancipazione delle classi meno abbienti. Per estrometterlo dal Parlamento i suoi avversari furono costretti ad allargare il collegio elettorale e a fare una coalizione di tutti i partiti contro di lui, ma solo un infarto a 52 anni riuscì a fermarlo il 9 agosto del 1954, mentre era intento a preparare una nuova candidatura. <Unico parlamentare della storia, come ebbe a scrivere un giornalista conservatore, che era fiero di fischiettare “Bandiera Rossa” mentre saliva le scale del Parlamento a Washington>. Arturo Giovannitti e Vito Marcantonio, due figure originarie del Molise e della Lucania, dedicarono la loro vita ai poveri, ai lavoratori e ai migranti. Un dovere ricordarli. Un orgoglio potersi soffermare sui loro esempi in un evento promosso per MATERA 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: