MOLISE – Inquilini, accordo territoriale per Campobasso e comuni limitrofi

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita

CAMPOBASSO – Accordo tra le organizzazioni di inquilini e delle proprietà edilizie nel Campobassano.

L’Uniat Aps Molise, organizzazione di servizio della Uil, con il presidente Leonardo Bredice informa che lo scorso 19 aprile è stato finalmente sottoscritto, tra le maggiori organizzazioni degli inquilini e della proprietà edilizia presenti sul territorio, il nuovo Accordo Territoriale per il Comune di Campobasso e Comuni limitrofi, aggiornato in base alle vigenti normative in materia, con il quale sono stati ridefiniti i criteri per la determinazione dei canoni dei contratti di locazione a canone concordato (3+2), transitori e transitori per studenti universitari.

L’Accordo Territoriale è entrato in vigore il 20 aprile 2019 e andrà a sostituire il precedente datato 4 novembre 1999. Quindi, esattamente a distanza di 20 anni, abbiamo un nuovo testo di riferimento.

L’importante lavoro di confronto svolto nel corso degli ultimi mesi tiene in equilibrio i bisogni degli inquilini e gli interessi della proprietà, mantenendo i livelli di canoni concordati proporzionalmente al di sotto dei valori di mercato rispetto alla fiscalità agevolata per il proprietario, data dalla cedolare secca e allo sconto sull’IMU.

La novità, invece, sta in una maggiore responsabilità delle Associazioni di categoria: è prevista infatti la sottoscrizione di schede tecniche, con la validazione dei contratti da parte delle Associazioni degli Inquilini e dei Proprietari.

I locatori che non stipulano il contratto con l’assistenza diretta di una delle Associazioni di categoria firmatarie, dovranno poi richiedere alle stesse Associazioni una specifica “Attestazione” di rispondenza” (ex D.M. 16 gennaio 2019) che convalidi il rispetto dei contenuti formali ed economici dell’Accordo, in osservanza alle disposizioni emanate dall’Agenzia delle Entrate.

“Il contratto a canone concordato richiede una perfetta conoscenza della legge e dei parametri necessari ai fini della sua validità, al fine di ottenere importanti riduzioni fiscali. E’ importante quindi – precisa Leonardo Bredice – che tutti gli interessati si rivolgano alle Associazioni di categoria firmatarie dell’Accordo Territoriale, tra cui naturalmente la nostra Organizzazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: