TRADIZIONI – “I fucilieri”, tutto pronto a San Giuliano del Sannio per i festeggiamenti in onore di San Nicola di Bari

Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors
Pubblicità Molise Network

SAN GIULIANO DEL SANNIO – Grande fervore tra “i fucilieri“.

8 e 9 MAGGIO la festività del patrono San Nicola nel segno della tradizione e della continuità.

Intervista a Giovanni Cappella Presidente dell’Associazione de “I fucilieri di San Nicola” Associazione Sangiulianese che si occupa di conservare e consolidare l’antica tradizione nei giorni 8 e 9 maggio e 10 agosto.

Se si parla di feste patronali vengono in mente processioni, bande musicali, bancarelle, giostre e fuochi d’artificio: nel corso del tempo, quanto è cambiata la vostra festa? «In alcuni paesi del centro-sud come il nostro tutto sembra essere rimasto immutato. In altri contesti invece, delle “feste” è rimasto l’essenziale. Talvolta, dovendo le associazioni adattarsi al cambiamento, sono venuti meno elementi portanti della festa. Riguardo alla festività in onore del nostro patrono Nicola, grazie al mantenimento di valori essenziali siamo riusciti a preservare la nostra tradizione. Nel tempo abbiamo dato vita ad un continuo dialogo tra presente e passato al fine di mantenere viva l’usanza e salvaguardare al meglio l’autenticità̀ nonché  custodire le peculiarità della nostra saga. Nel cambio generazionale, infatti, tra i nostri nonni e i nostri padri siamo stati bravi ad evitare un possibile vuoto, che avrebbe danneggiato la continuità della tradizione. Proprio i giovani, come me, si affiancano ai più “esperti” per mantenere in vita tutto ciò che ruota intorno al mondo della nostra rara festa patronale».

Quali sono gli aspetti della vostra festa e perché venire a San Giuliano del Sannio nei giorni 8 e 9 maggio? La nostra festa patronale è unica nel suo genere. Noi “i fucilieri di San Nicola” la attendiamo per un intero anno per poi  viverla come un momento di forte identificazione e appartenenza alla comunità. Con ogni sforzo esaltiamo nel migliore dei modi, sparando con il nostro archibugio in segno di giubilo. Ciò che rende veramente singolare e caratteristico la festa di San Nicola in San Giuliano del Sannio è il sottile equilibrio che si instaura tra sacro e profano, elementi religiosi e militari che si fondono per un unico scopo. Suggestiva è inoltre la parata militare alla quale prendono parte i fucilieri dell’associazione che ho l’onore di presiedere, arrivata quest’anno a coinvolgere oltre 50 unità. L’origine della manifestazione resta incerta ma potrebbe ricollegarsi all’anno 1724 quando, all’arrivo a San Giuliano della statua di San Nicola, commissionata dall’allora arciprete Giovanni Gentile, i sangiulianesi spararono in segno di gioia per poi ripetersi ogni anno al 9 maggio, ininterrottamente durante i secoli.

Il rituale, che orami si ripete da circa tre secoli, inizia nel pomeriggio dell’8 maggio, quando alle ore 17.30, partendo da Piazza Libertà il corteo de “I Fucilieri di San Nicola” e le Autorità locali si reca presso la casa canonica per la presa in carica delle due Bandiere. Le Bandiere simboleggiano una l’America del Nord e l’altra l’America del Sud, dove sono emigrati moltissimi sangiulianesi. Una volta prese in carico, il corteo rientra nella Piazza ove ha inizio una insistente asta al rialzo che darà diritto ai due vincitori di sfilare in processione con le bandiere in spalla. Al termine dell’asta i fucilieri si ricompongono per recarsi nella Chiesa Madre ove hanno inizio i Vespri in onore di San Nicola e tra gli altri, due fucilieri onorano la statua di S. Nicola con un formale picchetto armato. Al termine della messa primi fra tutti escono i fucilieri per scortare le autorità in Municipio e terminare le manifestazioni del primo giorno.

Il 9 maggio, data che celebra la traslazione delle ossa del Santo dall’oriente a Bari, si riprendono i festeggiamenti con la suggestiva Parata dei fucilieri che precedono le Bandiere e le autorità verso la Chiesa Madre ove si celebra la Santa Messa. Alla fine della funzione solenne si da il via alla processione con la Statua portata a spalla e preceduta da i fucilieri che quasi fanno a gara a sparare tra le vie principali del paese. Terminata la processione e riposto il Santo, il corteo de i fucilieri effettua l’ultima parata sul corso principale del paese a simboleggiare la chiusura della festività religiosa lasciando spazio a quella laica organizzata dall’Associazione-comitato San Nicola.

Non mi resta quindi che invitare tutti a San Giuliano del Sannio i prossimi 8 e 9 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

MESSAGGI POLITICI ELETTORALI »

Luigi Petroni Lega
Antonio Battista sindaco

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

MESSAGGI POLITICI ELETTORALI »

Luigi Petroni Lega
Antonio Battista sindaco

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Gabetti Franchising Agenzy

    GABETTI FRANCHISING AGENZY

    by on
    Gabetti Franchising Agenzy Corso Campano, 44 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 901566 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • kartostyle

    KARTOSTYLE

    by on
    KARTOSTYLE Via Marco Tullio Cicerone, 14 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900336 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Dimensione Sport

    DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Venafro Palace Hotel

    VENAFRO PALACE HOTEL

    by on
    Venafro Palace Hotel Strada Statale 85 Venafrana – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865  904437 © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: