INCENERITORI – Le Mamme per la Salute e l’Ambiente stoppano lo Sblocca Italia

Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo

VENAFRO – Il decreto attuativo 10 agosto 2016 viola il diritto dell’Unione Europea. “Grande vittoria” per le Mamme per la Salute e l’Ambiente contro lo “Sblocca Italia“.

L’associazione di Venafro e Il Comitato Donne del 29 agosto di Acerra, che nell’aprile 2018 accolsero con grande soddisfazione la decisione del Tar Lazio di condividere le argomentazioni proposte dall’associazione e dal comitato, insieme al “Movimento Legge Rifiuti Zero per l’economia circolare”, all’associazione “Verdi Ambiente e Società – Aps Onlus” e “VAS – Aps Onlus”, circa un possibile contrasto del Decreto attuativo dell’articolo 35 del cosìddetto “Sblocca Italia” con i principi ed il diritto dell’Unione Europea sollevati, comunicano la sentenza della Corte di giustizia europea a loro favorevole.

“Ringraziamo l’avvocatessa Carmela Auriemma che ci ha assistiti in questa avventura a titolo gratuito, con grande professionalità e tenacia facendoci raggiungere uno strepitoso risultato. Ringraziamo anche i tanti cittadini che sempre più numerosi continuano a supportarci e che ci sono vicini. Vittorie come questa ripagano dei tanti anni di impegno continuo ed incessante dedicato alla difesa del territorio e della salute di tutti”.

Ora spetterà al Tar Lazio decidere in modo definitivo sulla questione. Ricordiamo che anche l’inceneritore Herambiente di Pozzilli era stato inserito nell’elenco degli impianti strategici a livello nazionale: potrebbe cioè ricevere rifiuti da ogni angolo d’Italia in caso di necessità oltre a quelli normalmente già “lavorati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

error: