SANITA’ – In Molise il picco negativo di emigrazione ospedaliera

fascicolo-sanitario-elettronico
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Black&berries Venafro

ISERNIA – L’emigrazione ospedaliera, che fotografa i pazienti “costretti” a farsi curare fuori regione, è un fenomeno che registra il picco negativo a Isernia e L’Aquila.

Lo riporta Askanews, una delle principali agenzie italiane, che rilancia lo studio de Il Sole 24 Ore di oggi.

“Lontananza fisica e scarsa disponibilità di medici sono due delle cause che portano all’emigrazione ospedaliera. L’indicatore, che fotografa i pazienti dimessi dagli ospedali fuori dalla regione di residenza, e quindi ‘costretti’ a farsi curare lontano da casa – si legge nell’inchiesta -, registra il picco negativo a Isernia, preceduta da L’Aquila e Matera. Il fenomeno, come dimostrano le ultime dieci classificate, interessa principalmente le province del Centro (Abruzzo, Lazio) e Sud (Basilicata, Calabria e Molise)”.

Un dato su cui ovviamente la classe politica molisana dovrà confrontarsi e porre rimedio. Almeno questo è quello che si augurano gli abitanti della regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

error: