EUROPEE – M5S resiste al primo posto ma dimezza i voti, la Lega triplica il consenso, raddoppio di FdI (tutti i dati, con le preferenze dei 10 molisani)

mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ANALISI – Le elezioni europee in Molise hanno restituito un risultato in leggera controtendenza rispetto al dato nazionale. Come nel resto della circoscrizione Meridionale, il primo partito in regione è infatti il Movimento 5 Stelle (con il 28,76%) che, però, scivola al quarto posto in provincia di Isernia.

La Lega di Salvini è seconda in Molise con 36.544 voti (24,26%) e prima in provincia di Isernia con 9.195 (23,38%).

Forza Italia, che elegge per la quarta volta consecutiva europarlamentare Aldo Patriciello, si attesta come terzo partito in regione con il 15,31% – meglio in provincia di Isernia dove raggiunge il 21,84%.

Sotto il dato nazionale il Partito democratico che raccoglie il 14,64% (3° a San Martino in Pensilis, paese del segretario e consigliere regionale Vittorino Facciolla).

In merito all’affluenza, va detto che è leggermente calata rispetto al 2014: dal 54,75% di cinque anni fa al 53,27% di ieri.

Niente a che vedere con le elezioni politiche del 4 marzo 2018 quando nei 136 comuni molisani si recarono alle urne 254.108 elettori, pari al 71%.

Dallo scorso anno sembra passata però un'”era”: il M5S faceva segnare il 44,80% con 78.093 elettori. Un dato che in termini assoluti è praticamente dimezzato a distanza di appena 14 mesi. Ieri infatti il Movimento ha racimolato 43.330 voti (28,76%).

Balzo incredibile della Lega di Salvini che triplica il consenso passando dall’8,68% delle politiche 2018 al 24,26% delle europee (impossibile il raffronto con il 2014 quando la Lega si presentava ancora con la parola Nord nel simbolo e raccoglieva appena 1.535 preferenze, pari all’1,02%, in tutto il Molise).

Forza Italia fa registrare un lieve calo rispetto al 2018 scendendo dal 16,11% delle politiche 2018 al 15,31% di ieri (alle europee 2014 il partito di Berlusconi era al 23,43%).

Stabile il Partito democratico che, se rispetto a 5 anni fa (quando ci fu il boom renziano) dimezza i voti, resiste se il dato viene raffrontato alle politiche. Alla Camera il PD raggiunse il 15%, ieri si è fermato poco sotto: 14,64%.

La sinistra, in tutte le sue sfumature, è pressoché scomparsa e resta fuori, così come tutta l’estrema destra, dal riparto dei seggi.

Discorso diverso per Fratelli d’Italia. Il partito della Meloni, seppure senza candidati locali, godeva dell’appoggio tra gli altri dell’ex governatore Michele Iorio (che ha sponsorizzato Raffaele Fitto), ha raddoppiato il consenso passando dal 3,09% del 2018 (e dal 3,99% delle europee del 2014) al 6,33% di ieri.

PREFERENZE CANDIDATO PER CANDIDATO

Dieci i molisani in corsa alle europee 2019. Oltre al rieletto Aldo Patriciello – 1° assoluto in Molise e 1° di Forza Italia con 12.277 preferenze e 1° a Venafro con 1.531 consensi personali, in calo rispetto al 2014 quando raccolse 1.932 preferenze nella sua città – un buon risultato lo hanno raggiunto Stefania Gentile del M5S con i suoi 9.910 voti (1° del partito e prima a Macchiagodena con 364 voti) e Caterina Cerroni del PD: per lei 6.738 preferenze e primo posto del partito in Molise (prima con 701 preferenze ad Agnone).

Più distanziati, poi, Luigi Petroni della Lega (2.435 preferenze e 2° dietro a Salvini e 2° a Venafro dietro a Patriciello con 552 voti), Sara Ferri de La Sinistra (1.368 e 1° del partito, con 253 preferenze a Isernia).

Staccati Marco Di Salvo del Popolo della famiglia – 1° del partito con 422 preferenze -, Pierfrancesco Di Salvo di CasaPound con 194 voti e 1° posto del partito, Giustino D’Uva di Forza Nuova (135 voti e 1° del partito), Roberto Pano del Partito comunista con 96 preferenze (3° del partito). Ultima della classifica delle preferenze dei molisani in Molise Katia Di Lella di Forza Nuova: per lei 73 voti e 2° posto del partito.

Allargando il discorso a tutta la circoscrizione, con pochissime sezioni ancora da scrutinare, emerge il trionfo di Patriciello che seppur lontano dalle 110.742 preferenze del 2014 fa registrare il secondo posto assoluto di tutta Forza Italia con 83.151 voti dietro solo a Berlusconi che ha racimolato 182.880 preferenze. L’eurodeputato, evidentemente, “paga” il calo del partito a favore della Lega. Nel dettaglio, oltre alle 12.277 preferenze nel Molise, fa registrare: 5.662 voti in Abruzzo, 8.525 in Puglia, 1.472 in Basilicata, 5.075 in Calabria, con il boom in Campania grazie alle 48.257 preferenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: