FONDAZIONE GIOVANNI PAOLO II – “Il tumore si combatte anche con l’informazione”

Assicurazioni Fabrizio Siravo
Black&berries Venafro

MOLISE – Il tumore si combatte anche con l’informazione: a San Giuliano l’incontro di formazione promosso dalla Fondazione “Giovanni Paolo II”.

Una importante partecipazione all’incontro promosso dalla Fondazione Giovanni Paolo II a San Giuliano in collaborazione con gli Amici della Cattolica del Molise e l’Associazione Insieme.

“Ci impegniamo molto sul territorio per promuovere la prevenzione delle malattie oncologiche e cardiovascolari”, ha commentato Mario Zappia, Direttore Generale, nell’introdurre i lavori “con grande piacere torniamo a San Giuliano, per un incontro di carattere culturale, che oramai è diventato un appuntamento fisso e atteso dalla Comunità”.

Anche l’amministrazione comunale con il Sindaco Angelo Codagnone, ha rivolto il suo saluto, ringraziando gli organizzatori per aver promosso l’evento.

Negli ultimi anni sono stati compiuti passi da gigante nel campo delle malattie oncologiche, “una buona prevenzione, insieme a una diagnosi precoce, costituiscono ancora oggi l’unica vera arma vincente contro i tumori”, ha spiegato Carmelo Pozzo, Direttore dell’Oncologia della Fondazione e relatore dell’evento, “oltre la metà dei tumori vengono purtroppo diagnosticati in una fase avanzata e la diagnosi precoce spesso non è possibile o è estremamente complicata. Mentre la prevenzione primaria cerca di evitare l’insorgenza del cancro, per esempio attraverso interventi sugli stili di vita o sull’ambiente, gli screening rientrano nella cosiddetta prevenzione secondaria, che mira a individuare la malattia quando è più facilmente curabile. Nello stadio iniziale – continua Pozzo – purtroppo il cancro non dà, in genere, segni della sua presenza e il paziente è totalmente asintomatico. Riuscire a effettuare una diagnosi in tale stadio può aumentare moltissimo la possibilità di guarigione definitiva dalla malattia. Possiamo quindi dire che uno screening riguarda una persona sana o ritenuta tale. Uno screening deve anche avere alcune caratteristiche peculiari, deve essere sicuro, accettabile in termini di rischio per il paziente e la popolazione (es. eccesso di esami rx), attendibile (sensibilità e specificità, falsi positivi e falsi negativi) e infine deve avere un costo sostenibile per la collettività. Per raggiungere questo obiettivo gli screening hanno precise regole: rivolgersi alle popolazioni a maggior rischio (fasce di età, aree geografiche, attività lavorative etc)”, ha concluso il primario.

Oggi anche quando non è possibile arrivare alla guarigione, si riesce comunque in molti casi a cronicizzare la malattia, con pazienti che possono condurre una vita normale anche per molti anni. E questo riguarda tutte le principali forme tumorali, a partire dal seno, in cui ormai anche l’azione contro i carcinomi metastatici offre grandi risultati, del polmone e del colon retto che resta il più diffuso sia negli uomini che per le donne.

Tra le novità più importanti ci sono certamente quelle relative al tumore al polmone, dove con l’immunoterapia si ottengono risultati fino a pochi anni fa impensabili. I dati presentati nell’ultimo congresso Esmo 2017 riguardano sia in pazienti con un tumore localmente avanzato, sia quelli con un carcinoma metastatico. Purtroppo ancora oggi meno del 20 per cento dei pazienti con cancro al polmone è vivo dopo cinque anni dalla diagnosi. Ecco perché c’è molto entusiasmo verso gli esiti delle nuove sperimentazioni.

Grande partecipazione da parte della Comunità di San Giuliano, la sala del Centro Sociale era gremita. Soddisfazione manifestata anche dal Presidente dell’Associazione “Insieme”, Emanuele Cappella, e dal coordinatore degli Amici della Cattolica, Geremia Carugno. Le Associazioni che da tempo hanno avviato una collaborazione strutturale che si rafforzerà costituendo un paese “un percorso organico per la promozione della salute”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

KARTOSTIYLE Venafro
Colacem

Scopri il Molise »

Abbazia Castel San Vincenzo
Altilia

Resta aggiornato »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

KARTOSTIYLE Venafro
Colacem

Scopri il Molise »

Abbazia Castel San Vincenzo
Altilia

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

  • Bike4You

    BIKE 4 YOU

    by on
    Bike 4 you Via Sant’Ormisda, 88/90 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Gabetti Franchising Agenzy

    GABETTI FRANCHISING AGENCY

    by on
    Gabetti Franchising Agency Corso Campano, 44 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 901566 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: