SANITA’ – “Cardarelli”, neurochirurgia: sospesa l’attività operatoria in emergenza. Si va a Teramo o in altri nosocomi vicini

Cardarelli Campobasso
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Chiusura reparti, ora tocca all’ospedale Cardarelli di Campobasso.

Per mancanza di personale specialistico, la neurochirurgia del nosocomio del capoluogo di regione sospenderà la sua attività operatoria in emergenza. Fungerà solo come luogo di consulenza e quindi di smistamento verso altri nosocomi. Mancano i neurochirurghi, e anche la Neuromed presenta difficoltà nella disponibilità di tali professionisti per le emergemze del caso così come previsto dal protocollo d’intesa di qualche anno fa scaduto il 18 luglio. Il trasferimento di pazienti con patologie di riferimento o colpiti da improvvisi o accidentali traumi cerebrali  dovranno essere trasferiti all’Asl di Teramo o in altre sedi più vicine Benevento Foggia o Pescara.

Con quale mezzi non si sa o meglio con ambulanze non essendo dotata l’Asrem di elicottero attrezzato per il trasporto malati. Un provvedimento pesantissimo perché trattandosi di casi abbastanza seri derivanti da ictus o situazioni di carattere  neurochirurgico il trasporto nelle sedi previste dovrebbe avvenire almeno in tempi brevissimi augurandosi che non ci siano complicazioni immediate a cui si potrebbe porre mano sul posto. La comunicazione è stata data dai vertici Asrem che comunque spiegano come tanto non rappresenti una novità ma quanto scaturito dal 2016 dal decreto Balduzzi un provvedimento che ad oggi ha presentato un quadro molto precario a neurochirurgia come in altre specialistiche poste a tagli, ignorato ma presente nell’offerta specialistica del “Cardarelli”

Una tegola sulla sanità locale in un settore delicatissimo come quello della neurochirurgia dove il pronto intervento in ospedale è fondamentale, sanità dominata da una evidente confusione dove si taglia dappertutto pur di presentare conti a risparmio e non si mettono a sistema risorse umane e servizi secondo una logica assistenziale organizzativa amministrativa, meritoria e quindi economica che punti all’efficienza e al risparmio di costi mettendo come primo traguardo essenziale e imprescindibile il naturale concetto di sanità salvavita e il riconoscimento a chi comunque  continua  a dare qualità al proprio lavoro e servizio con meriti chiari sul campo ma non riconosciuti.

I 15,7 milioni di euro soldi regionali, provenienti da tasse specifiche, trasportati da una delibera regionale sui debiti della sanità per i quali i molisani pagano il massimo dell’Irpef e dell’Irap, ora dovranno essere presentati al vaglio del Consiglio regionale di martedì prossimo quando si discuterà solo di sanità e qui ci saranno anche  i due Commissari ad acta Giustini e Grosso. Intanto dal tavolo interministeriale tenutosi ieri a Roma presenti i vertici Asrem, della Regione, e i Commissari non sono arrivate grosse novità, sebbene i debiti della sanità da aprile a qui siano diminuiti in virtù di interventi contabili e amministrativi riduttivi per il sistema, trattati sopra, mentre ci si è impegnati a portare in parità i conti con operazioni finanziarie che per il momento, dichiarano alla fonte, non arrecherebbero ulteriori contraccolpi economici o strutturali. Per il personale medico se le cose rimarranno così, senza rinforzi si preannunciano tempi ancora più bui. Insomma ci si metta l’anima in pace secondo l’Asrem l’azienda sanitaria regionale da quanto afferma il direttore generale Sosto, non ha specialisti che possano coprire i turni previsti, solo tre medici che possono operare su 5 in neurochirurgia e con la Neuromed che palesa affanno nel mettere a disposizione i suoi specialisti per interventi di urgenza. E allora se ci sono casi critici si provvederà a tamponarli sul posto per poi trasferirli nei nosocomi vicini con cui sono stati presi accordi, se ci saranno posti disponibili e se ovviamente si farà in tempo a combinare tanto positivamente con problematiche cliniche in atto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: