SANITA’ – Tedeschi risponde a Greco “Il mio intervento è stata solo mediazione nel tentativo di rivalutare alcune specialtà al Caracciolo”

antonio tedeschi
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Botta e risposta al veleno tra i due consiglieri regionali, Antonio Tedeschi componente della maggioranza in Consiglio regionale e Andrea Greco pentastellato all’opposizione a palazzo D’Aimmo.

Al centro della disputa la situazione e quindi l’offerta dell’ospedale di Agnone.

Tedeschi denuncia che il suo collega Greco nella seduta del Consiglio comunale di Agnone di ieri si sarebbe così espresso “Antonio Tedeschi frequenta assiduamente i commissari di Governo, chiedendo una privatizzazione dell’intero nosocomio di Agnone”. Smentendo ovviamente la finalità di questi incontri nella valutazione offerta da Greco, Tedeschi spiega:

“Tempo fa ebbi contatti con due illustri professionisti della sanità, gli agnonesi Nicola Iavicoli e Franco Paoletti, i quali mi chiedevano di favorire un incontro con il direttore amministrativo dell’Asrem, Antonio Forciniti, e con i Commissari ad acta, al fine di poter loro illustrare una forma di collaborazione pubblico-privata in ordine ad alcune prestazioni da poter fornire all’interno dell’ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone. Tra l’altro, sia i Commissari che i vertici Asrem avevano a loro volta già dialogato telefonicamente con i due medici.

Il mio ruolo è stato quello di favorire solo l’incontro, al quale peraltro il dott. Iavicoli, per motivi di lavoro, non ha potuto neanche partecipare.

Per amore della verità, ritengo tutt’ora tale proposta interessante perchè di fatto porterebbe ad una rivitalizzazione di alcuni reparti, quali ad esempio Chirurgia, ove Nicola Iavicoli potrebbe profondere la sua professionalità. Ma il progetto in sé prevedeva, tra l’altro, la presenza nel nosocomio di altre valide professionalità che giammai avrebbero portato, come afferma Greco, alla privatizzazione dell’intera struttura”.

“Quindi Greco  – conclude Tedeschi – ha mentito sapendo di mentire, affermando che il sottoscritto insisteva presso i commissari per “la privatizzazione dell’intero ospedale”. E sicuramente i Commissari non potranno smentirmi.

La verità è che, nella qualità di consigliere regionale, frequento spesso sia i commissari che i massimi dirigenti dell’Asrem al fine di tentare di risolvere le problematiche della sanità molisana. Questo nel rispetto del ruolo che ricopro, sempre con la fronte alta e con onestà intellettuale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: