PROVINCIALI – Dopo voto, Stefano Buono “Litigi e guerre interne per poltrone, il centrodestra si accapiglia e il Molise si estingue”

Stefano Buono
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica

VENAFRO – Dopo voto ad Isernia, della serie ognuno dice la sua. Il tormentone continua. Oggi tocca al consigliere comunale di Venafro nonché dirigente del Piddi Stefano Buono.

Siamo d’accordo con lui quando fa capire che questo tema è scontro tra fazioni politiche e quindi  una situazione irritante irrilevante e fastidiosa rispetto a quanto incombe sul popolo molisano per la gestione della res pubblica locale ma nessuno rimane immune da quanto la gente vive che invece è il risultato di ieri e di oggi.

“Da un po’ di tempo – dice Buono –  assistiamo ad un fenomeno non certo gradevole che nelle ultime settimane e in particolare negli ultimi giorni ha visto intensificarsi in modo significativo. Abbiamo un governo Regionale ed una classe politica intera che stanno evidentemente conducendo una violenta guerra interna, il cui epilogo finale è conciso con elezione del nuovo Presidente della Provincia di Isernia, a cui va il mio sincero augurio di buon lavoro, fatta di rivendicazioni, incomprensioni, lotte di potere, riequilibri e poltrone. Può succedere in politica, ma è davvero necessario che questi argomenti siano portati in modo cosi sfacciato all’attenzione della pubblica opinione e, quindi, sostanzialmente al centro dell’agenda politica di Governo?

Non sentiamo parlare di lavoro, non tocchiamo palla sulla sanità, non vediamo riflessioni serie su ambiente (e pure il Molise potrebbe essere la Regione Green per antonomasia), su infrastrutture materiali ed immateriali, non percepiamo che qualcuno parli della prossima programmazione settennale dei fondi strutturali europei e della partita della coesione sociale. Ha davvero motivo di esistere il Molise, date le sue dimensioni e risorse, se continuiamo ad esprimere questo livello di classe dirigente impegnata quasi esclusivamente a mantenere enormi privilegi?

Abbiamo, dal 1992 sino ad oggi, un continuo spopolamento con saldo demografico perennemente negativo che ci condanna nei prossimi venti anni a perdere altri trentamila abitanti; al 2018 vi sono 211 anziani ogni 100 ragazzi e negli ultimi dieci anni abbiamo perso quasi diecimila posti di lavoro.

E allora – conclude Buono – se ritengono di non poter andare avanti si dimettano e si vada al voto. In alternativa si chiudano in una stanza e risolvano i loro problemi di posizionamento interno che non interessano a nessuno e si cominci a lavorare per i cittadini molisani, sono profumatamente pagati per quello”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

Esco Fiat Lux Scarabeo
error: