ISERNIA – In cattedra Don Maurizio Patriciello: giovani datevi da fare voi, i politici tendono sempre a rinviare

mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

ISERNIA – Piena riuscita dell’evento e grande entusiasmo ad Isernia per la presenza di don Maurizio Patriciello, parroco della Terra dei Fuochi.

Il noto prete di Caivano è stato infatti ospite dell’iniziativa “Per Amore del mio Popolo” voluta da Palmina Giannini, Cavaliere della Repubblica e presidente del Comitato “Paolo Balestrazzi – Lotta alla Neurofibromatosi e a tutte le malattie rare”, da una vita al fianco della ricerca.

“Un Paese senza memoria è un Paese senza Storia”, ha sottolineato don Maurizio Patriciello davanti ad una folta platea di studenti ma non solo. Il parroco ha presentato il libro “Non aspettiamo l’Apocalisse”.

A moderare i lavori Paolo De Chiara, giornalista, scrittore, sceneggiatore – autore del libro “Il Veleno del Molise”.

Don Maurizio Patriciello ha calamitato l’attenzione dei presenti sia durante l’evento che anche prima e dopo. “Viviamo in una crisi dell’Uomo. Quando l’uomo comincia ad imbrogliare e l'”io” prende il sopravvento sul “noi”, diventiamo egoisti e di egoismo si muore”.

“Se ognuno farà la propria parte le cose cambieranno sul serio”, ha poi rimarcato il prete anticamorra. “Chi è un camorrista?” Non vi scervellate, basta rispondere è ‘n’omm e nient’ (uomo da niente), un vigliacco, il suo destino è segnato: o morto o in galera. Il male è banale”.

“Tutti mi conoscono come ‘il prete della monnezza’, ma non sono un prete ambientalista, voglio solo mantenere alta l’attenzione sui problemi che interessano tutti”, si è schernito.

Don Maurizio Patriciello ha pure avvisato che “la terra dei fuochi non è un problema solo della Campania”. Agli studenti l’invito ad impegnarsi in prima persona per cambiare le cose perché “i politici tendono sempre a rinviare a domani”. Nell’Aula Magna c’è stato un dibattito vivo.

Il prete di Caivano ha toccato, tra gli altri, il tema della droga, dalla quale stare lontani, e della sanità. Con tanto di invito a muoversi per non far chiudere l’ospedale di Isernia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: