SANITA’ – Piano Operativo Sanitario, Testamento (M5s) “Sanità pubblica in sofferenza, urgente un suo rilancio”

Piano Operativo Sanitario, Testamento (M5s) Sanità pubblica in sofferenza, urgente un suo rilancio
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
Maison Du Café Venafro
DR F35 Promozione
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
DR 5.0 Promozione
faga gioielli venafro isernia cassino

ROMA – Incontro con la segreteria del Ministro della Salute Roberto Speranza sul nuovo Piano Operativo Sanitario della Regione Molise.

“Esposte motivazioni della sofferenza della sanità pubblica molisana. Urgente un suo rilancio”. – ad affermarlo Rosa Alba Testamento, portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati –

“Il depotenziamento dell’offerta sanitaria pubblica nella Provincia di Isernia, lo smantellamento della rete di emergenza–urgenza su tutto il territorio regionale, in particolar modo quelle di Venafro e Larino, il necessario riequilibrio di risorse tra pubblico e privato, la situazione del punto nascite di Termoli, la tutela delle popolazioni residenti nelle aree interne e di montagna. Sono questi alcuni degli argomenti approfonditi ieri durante la riunione con la segreteria del Ministro della Salute Roberto Speranza”.

“Durante l’incontro, al quale hanno partecipato anche il Portavoce del M5S al Comune di Isernia Mino Bottiglieri, l’Avvocato Ottavio Balducci e Aida Trentalance del forum per la Sanità Pubblica, ho manifestato  – continua Testamento –   tutta la nostra preoccupazione per le indiscrezioni giornalistiche filtrate nelle ultime settimane sul nuovo Piano Operativo Sanitario molisano, che prevedrebbe un ulteriore dimagrimento delle prestazioni e dei servizi offerti dagli ospedali di Isernia e Termoli e nessuna  inversione di rotta rispetto al finora accertato pagamento di cospicui extra budget alle strutture private accreditate. Ho fatto presente  –  prosegue – come il ridimensionamento della sanità pubblica nella provincia di Isernia,  con la paventata soppressione di alcuni reparti come oncologia e neurofisiopatologia e la conferma, dopo lo smantellamento del pronto soccorso, anche della chiusura del punto di primo intervento di Venafro sia pienamente in contraddizione rispetto al recente riconoscimento da parte della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria della Piana di Venafro come “area critica dal punto di vista sanitario”, a causa del numero di malattie cardiologiche, cerebrovascolari e di tumori alla mammella superiore alla media regionale”.

“C’è molta apprensione tra le comunità locali di Isernia e Provincia e del Basso Molise perché se le notizie di stampa venissero confermate metterebbero ulteriormente in pericolo la garanzia dei livelli essenziali di assistenza, già ampiamente compromessi. Abbiamo esposto le motivazioni che sottendono alle difficoltà delle strutture sanitarie pubbliche e i conseguenti disagi che i cittadini devono quotidianamente affrontare per poter accedere alle cure, consegnando al capo segreteria del Ministro Speranza una documentazione fatta di dati, casi e situazioni concrete che dimostrano la necessità di rilanciare il sistema sanitario pubblico molisano” – conclude Testamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: