TRUFFE ON LINE – Mette in vendita l’auto sul web e versa 250 euro a finti acquirenti, era una truffa

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita

CERCEMAGGIORE – Truffe on line, ancora due persone denunciate dai Carabinieri.

Una delicata ed articolata, quanto tempestiva, attività di indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Cercemaggiore, ha permesso di deferire all’Autorità Giudiziaria due persone, ritenute responsabili in concorso tra loro di truffa on line, in danno di un’anziana vittima del piccolo comune montano.

Era lo scorso mese di luglio, quando un anziano residente proprio in Cercemaggiore, decide di mettere in vendita il proprio veicolo privato e per farlo si affida alla piattaforma web, utilizzando uno dei siti on line più utilizzati e quindi con maggiore visibilità e probabilità di vendita.

Nel volgere di pochissimo tempo dall’inserzione, giunge il primo contatto, da un’utenza che l’anziano non conosce e il cui interlocutore, con fare gentile, gli chiede informazioni sull’autovettura in vendita.

Le prime domande lasciano presagire un reale interesse per il veicolo, atteso che l’ipotetico acquirente era interessato al chilometraggio, all’ultima revisione effettuata e all’anno di fabbrica del treno di gomme che erano montate sul veicolo.

È quando si giunge alla modalità di pagamento e possibilità di visionare il veicolo dal vivo che sorgono i primi intoppi. Il venditore infatti, al fine di preservare la compravendita in atto chiede la corresponsione di una
caparra, che l’interlocutore non nega e concordano la somma di euro 250,00.

L’interlocutore, evidentemente avvezzo a tali attività delittuose, riesce a carpire dall’uomo che non è in possesso di un libretto postale, né tanto meno accetta la possibilità di un bonifico on-line, ma l’anziano riferisce all’anonimo uomo, che è titolare di una carta Poste-Pay.

In quel preciso momento, scatta la truffa, infatti il malvivente chiede all’uomo la cortesia di poter effettuare il versamento della “caparra” pattuita proprio sulla Poste-Pay e invita l’anziano a recarsi ad uno sportello Postamat per verificare se effettivamente avesse ricevuto la somma.

Una volta allo sportello ATM dell’Ufficio Postale, l’anziano viene nuovamente contattato e riceve telefonicamente delle indicazioni e una procedura da eseguire, mediante la quale, però, è lui ad effettuare una ricarica dell’importo di euro 250,00 al suo interlocutore che una volta sinceratosi dell’accredito svanisce nel nulla.

Gli accertamenti esperiti dai Carabinieri della piccola Stazione Carabinieri, hanno permesso di individuare un 38enne ed un 48enne abruzzesi, che in concorso tra loro (chi intestatario dell’utenza telefonica, chi della carta Poste-Pay fraudolentemente ricaricata), con artifizi e raggiri inducevano l’ignaro “venditore” a elargire la somma di euro 250,00. Per entrambi è scattato il deferimento all’Autorità Giudiziaria di Campobasso, cui dovranno rispondere di truffa ex artt. 110 – 640 c.p..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: