REGIONE – Bonus per l’acquisto di dispositivi antiabbandono per bambini, passa una mozione di Scarabeo e Calenda

vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

CAMPOBASSO –  Bonus alle famiglie con bambini piccoli fino a 4 anni per l’acquisto di dispositivi antiabbandono.

Una mozione presentata dal consigliere regionale Massimiliano Scarabeo è stata approvata dal Consiglio regionale nella seduta di stamane.

Il contributo regionale è concesso per ogni nato nel 2019 e residente in Molise, previa documentazione fiscale per accertare il comprovato acquisto. Considerato che, nell’anno 2018, secondo i dati Istat, le nuove nascite in regione sono state circa 2mila, l’onere stimato in previsione del 2019 è di 60mila euro, che dovrà trovare copertura nel bilancio previsionale 2020-2021.

L’Italia con questa Legge 1 ottobre 2018, n. 117, entrata in vigore già dal 1° luglio 2019, ha introdotto l’obbligo di installazione di dispositivi elettronici all’interno delle automobili, in grado di prevenire l’abbandono di bambini nei veicoli. Tali dispositivi elettronici, infatti, “avvisano” della chiusura delle portiere dell’abitacolo in presenza di bambini a bordo, e quindi evitare di lasciarli incustoditi, tutelandoli dalle conseguenze, spesso mortali, dell’abbandono per distrazione o amnesia. “Per motivi di salute – ha rilevato Scarabeo – non ho potuto essere in Aula, ma mi sia consentito di esprimere, grande soddisfazione, per questa mozione che è stata un cavallo di battaglia di Fratelli d’Italia e della sua leader Giorgia Meloni”.

«Un ringraziamento, innanzitutto, al collega Scarabeo, anch’egli molto sensibile alla problematica – ha spiegato il presidente di IV Commissione Filomena Calenda –. A seguito anche di un confronto con la struttura regionale, ho inteso impegnare il Consiglio a farsi carico della problematica con la speranza che i fondi necessari trovino copertura nel bilancio previsionale 2020-2021. Il nostro intervento si inserisce in quello che è il contesto nazionale, che ha introdotto l’obbligo a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme, la cui funzione è quella di prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni. Un provvedimento pensato per arginare un triste fenomeno che ultimamente ha portato al decesso di neonati, lasciati per ore all’interno degli autoveicoli in cui, nei mesi estivi, si raggiungono temperature superiori ai 50 gradi. Sulla scia di quanto fatto a livello nazionale – ha continuato Calennda – credo sia opportuno dare un contributo anche a livello regionale per incentivare innanzitutto le nascite e, al contempo, garantire la sicurezza dei neonati che viaggiano in auto con i propri familiari.

Filomena Calenda

Dalle cronache nazionali apprendiamo – conclude la Calenda – che tali episodi quasi sempre vedono protagonisti genitori amorevoli e affettuosi che, a causa di una dimenticanza, si ritrovano ad affrontare simili tragedie. Fortunatamente il Molise non ha fatto registrare nessun evento drammatico di questo tipo, questo, però, non ci permette di abbassare la guardia: la prevenzione in questi casi è di fondamentale importanza. Una misura che, innanzitutto è rivolta alle famiglie che vivono in uno stato di indigenza e, inoltre, si parla spesso di lotta allo spopolamento e di slogan per attrarre o far rimanere le giovani coppie in Molise e, anche se si tratta di un piccolo contributo è pur vero che da qualche parte si deve iniziare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: