CRONACA – Reati ambientali, denunciati tre gestori di depuratori

Reati ambientali, denunciati tre gestori di depuratori
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro

ISERNIA – Prosegue l’attività operativa dei carabinieri forestali in provincia di Isernia per la tutela del ricco patrimonio naturalistico e per il contrasto agli illeciti in danno all’ambiente.

Sono trascorsi pochi giorni da quando i carabinieri forestali hanno denunciato il gestore di un depuratore comunale nell’Alto Molise e i controlli effettuati negli ultimi giorni, sempre in Alto Molise, zona di elevato pregio ambientale, hanno portato al deferimento di altre tre persone per fatti analoghi.

Le Stazioni Carabinieri Forestale di Agnone e Carovilli, infatti, hanno controllato due depuratori urbani di due comuni ricadenti nelle loro ampie circoscrizioni territoriali accertando il medesimo reato: i fanghi derivanti dai processi depurativi giacevano in grandi quantità sul letto di essiccamento da più di un anno, senza che venissero smaltiti. Si tratta, in pratica, di un deposito incontrollato di rifiuti che rappresenta un concreto pericolo di inquinamento per i suoli e le falde acquifere dell’area, punito penalmente con l’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da duemilaseicento a ventiseimila euro.

Gli accurati controlli documentali svolti dai militari hanno anche messo in luce che, per entrambi i depuratori, il registro di carico e scarico dei rifiuti non era aggiornato poiché non venivano annotate alcune operazioni. Oltre che incorrere in un procedimento penale, per questa violazione amministrativa, i gestori dovranno pagare anche un multa superiore ai duemila euro.

La Stazione Carabinieri Forestale di Forlì del Sannio, invece, durante un posto di controllo stradale ha fermato un autocarro che trasportava rifiuti speciali accertando che il conducente non aveva al seguito il formulario di identificazione del materiale trasportato, indispensabile per garantirne la tracciabilità. Per questa violazione di legge l’uomo dovrà pagare una multa superiore ai tremila euro.

Dal Comando Gruppo Carabinieri forestali di Isernia fanno sapere che nei prossimi giorni i controlli proseguiranno sia nell’ambito della corretta gestione dei rifiuti che nel settore dei depuratori urbani e industriali, tanto al fine di assicurare elevati livelli di sicurezza ambientale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: