MOLISE – Rilanciare lavoro ed economia attraverso la viticoltura

viticoltura
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

SOCIETA‘ – Terra ed ambiente molisani da valorizzare attraverso vini autoctoni per nuove certezze economico/occupazionali a favore dei giovani molisani.

La valorizzazione e quindi lo sviluppo di un territorio passano attraverso strade nuove. Non ultima, la produzione di vini particolari ed autoctoni realizzati in loco. E’ l’innovativo canovaccio per il decollo di terra, economia, produzione, lavoro ed ambiente molisani, “filosofia” su cui puntare perché i giovani molisani trovino finalmente sul loro territorio di origine, il Molise appunto, i motivi giusti per individuare in loco risorse e prospettive socio/economiche future, scegliendo di restare nella loro terra di nascita piuttosto che, valigia in mano, emigrare approdando altrove.

“E’ la nostra scommessa -afferma un viticultore dell’estremo Molise occidentale- per dare prospettive certe ai nostri giovani e rilanciare lavoro ed economia molisani”. Il prosieguo del pensiero dell’imprenditore vinicolo: “Abbiamo una terra eccezionale ed un ambiente sostanzialmente sano che permettono programmi futuri assai interessanti. Ci sono le premesse giuste per sviluppare le caratteristiche di questo territorio con vini particolari ed autoctoni, impreziositi da sapori, profumi ed aromi unici che derivano dai nostri vitigni e dal territorio”. Quali le strade da percorrere perché tutto questo possa concretizzarsi, in modo da offrire certezze e garanzie alle nuove generazioni in tema di economia e lavoro? “C’è da noi un preciso disciplinare dei vini per la produzione del Pentro sia bianco che rosso, che però nei decenni trascorsi non è stato mai applicato. Solo dal 2012 si è partiti con tale nuovo disciplinare per sviluppare la produzione vinicola specifica su questo territorio. Nella provincia di Isernia infatti in precedenza nessuno lo praticava, mentre adesso la situazione sta prendendo a cambiare. Quest’anno ci sono le premesse giuste perché la vendemmia del 2020 veda finalmente affermarsi l’innovativa produzione del Vino Pentro Bianco e Rosso come da disciplinare”. Altre novità in tema vinicolo molisano? “Segnalo l’IGT (Identificazione Geografica Tipica) del Rotae, un blend di vini rossi realizzati in provincia di Isernia. La vendita dell’annata 2017 è iniziata nel 2019 con riscontri più che positivi. Così come soddisfacente è stata l’accoglienza dei nostri prodotti sui mercati internazionali sia dell’est che dell’ovest, il che ci incoraggia per nuovi investimenti e strategie future”. Ed allora “alla salute” a tutti con l’ottimo Pentro alto molisano! Con l’auspicio che il rosso (o il bianco) del bicchiere, che di per se fa tanto sangue e quindi tanto bene…, dia anche certezze e garanzie finanziarie, sociali ed occupazionali ai giovani molisani, convincendoli a restare, crescere e lavorare nella loro terra d’origine.

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: