CORONAVIRUS – Iorio a Toma “Per i ricoveri da Covid 19 si utilizzino gli ospedali di Larino e Venafro”

ss rosario venafro
Boschi e giardini di Emanuele Grande
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO –  Coronavirus, l’ex Governatore Iorio rilancia l’utilizzo di ospedali per l’assistenza a pazienti con tali patologie come Larino e Venafro svuotati per i tagli alla sanità e costati per il loro riammodernamento e nuova costruzione decine di milioni di euro negli anni passati. Un appello quello di Iorio lanciato al presidente della Regione Toma e al commissario Giustini.

Una indicazione, dice Iorio,  contenuta proprio nella circolare del 4 marzo 2020 inviata dal Ministero della Salute con cui il direttore generale Andrea Urbani indica infatti di “individuare una o più strutture o stabilimenti ospedalieri da dedicare alla gestione ESCLUSIVA del paziente affetto da Covid – 19” compreso l’acquisto di nuove attrezzature per la respirazione assistita.

“Le due strutture infatti potrebbero essere destinate al ricovero dei pazienti positivi senza rischio di contagio di altri pazienti che si trovano invece al Cardarelli – dice Iorio -. Una iniziativa che sarebbe dettata da condizioni di estrema necessità ed urgenza e che vedrebbe, proprio nelle due strutture, la possibilità di aumentare u posti letto anche per la rianimazione per infettivi attraverso una camera isolata ad oggi inesistente.

Questa azione dovrebbe essere accompagnata dall’assunzione di personale. 30 anestesisti, 100 medici e 200 infermieri che sarebbero il numero minimo per garantire una pianta organica ordinaria. Assunzioni che, vista l’emergenza, potrebbe avvenire con contratti flessibili oppure attingendo da graduatorie di altre regioni se ancora disponibili.

Per gli infermieri, invece si potrebbe procedere anche con la stabilizzazione dei precari e la mobilità. In questo modo, sempre rispettando la circolare del Ministero della Salute, sarebbe possibile redistribuire il personale sanitario destinato all’assistenza. Il lavoro svolto fino ad oggi è certamente encomiabile, ma occorre essere pronti ad una eventuale esplosione della situazione. Anche perché non si può immaginare di sospendere a lungo le attività ordinarie degli ospedali pubblici.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

momà
Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

momà
Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
Edilnuova Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
error: