VENAFRO – Taglio pioppi Palazzina Liberty, polemiche in città. La risposta di Ricci

VENAFRO - Taglio pioppi Palazzina Liberty, polemiche in città. La risposta di Ricci
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

VENAFRO – Tante le domande relative al taglio delle due piante – populus nigra, pioppo nero – antistanti la palazzina Liberty a Venafro.

Molti reputano inspiegabile l’eliminazione delle piante mentre si assiste alla crescita dell’inquinamento atmosferico e a una battaglia per individuare strategie per ridurlo.

Dunque, sui social è scoppiata la protesta: “Alberi secolari vengono tagliati senza nessuna logica. Ma nessuno dice niente? Dove sono gli ambientalisti? È una vergogna”. Si legge sui social. “Perché li stanno tagliando?” continuano i commenti “Perché sarebbero pericolosi. Mentre a detta di gente più competente di me sono sanissimi” ancora “Vedere abbattere un albero è sempre triste. Se è un albero che conosci, che da sempre ha accompagnato i tuoi luoghi hai il diritto di chiederti perchè. E di avere una risposta. Soprattutto quando riguarda l’immagine complessiva di un luogo. Tanti, troppi errori sono stati fatti a Venafro, che la villetta sta pagando pesantemente. Spieghino, giustifichino cosa stanno facendo”.

Ma perché il Comune ha fatto tagliare quegli alberi? Risponde il sindaco di Venafro Alfredo Ricci.

“Si è dovuto procedere al taglio delle due piante di pioppo poiché erano piante a rischio caduta, essendo state per il passato oggetto di capitozzature che ne avevano minato la stabilità, lasciando viva solo una parte esterna del tronco. La parte interna era legno morto, attaccato da funghi e dalla carie del legno, inoltre sulla parte di legno morto del tronco erano presenti tantissimi fori scavati dagli insetti.

E’ stata una decisione molto sofferta, mai avremmo voluto dover decidere in questo modo sulla loro sorte, ne avremmo fatto volentieri a meno. Sapevamo che ci sarebbero piovute addosso tante critiche per questa decisione, siamo stati i primi noi a soffrirne, sia al momento della firma dell’Ordinanza di abbattimento sia al momento del taglio. A tal riguardo prima di firmare l’Ordinanza di abbattimento abbiamo sentito il parere di esperti, abbiamo cercato soluzioni alternative, solo dopo abbiamo ritenuto necessario procedere con il taglio.

Viste le condizioni di precaria stabilità delle due piante, non si poteva mettere a rischio la vita delle persone che sostavano alla loro ombra durante il periodo estivo, o i tanti cittadini che frequentano quel sito. Certamente noi siamo dispiaciuti come i tanti che si lamentano per la loro assenza, ma l’incolumità delle persone viene prima di tutto, noi siamo amministratori, pertanto siamo chiamati a decidere in questi casi.

Le due piante tagliate saranno rimpiazzate da nuove piante, con la speranza che chi amministrerà negli anni a seguire avrà cura del verde anno per anno, perché le potature vanno fatte sistematicamente ogni anno, altrimenti se si ricorre alle capitozzature o al taglio dei rami di grandi dimensioni si espone la pianta ad attacchi fungini ed alla carie del legno, come era accaduto a queste, quindi si mette a rischio la salute e la stabilità della pianta.

Si ricorda che il 10 luglio dello scorso anno alcune piante presenti nella villa comunale, e non solo, sono cadute in seguito ad eventi meteo con venti particolarmente intensi e poi la sera del 9 di agosto sempre del 2019, durante una afosa e tranquilla serata estiva, in villa, una pianta di eucalipto di notevoli dimensioni, oggetto di capitozzature nel passato, è caduta al suolo per fortuna senza arrecare danni a persone.

Siamo dispiaciuti come tutti coloro che erano legati da ricordi a queste piante, ma abbiamo dovuto far prevalere il dovere di salvaguardare l’incolumità dei cittadini rispetto all’aspetto affettivo/paesaggistico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: