CORONAVIRUS – Un racconto sulle barricate senza “mascherine”. Enzo Cimino “Giornalisti del Molise, eroi sottopagati”

enzo cimino
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro

CAMPOBASSO – Una nota da 110 e lode, così mi piaci, Caro Enzo e te lo dice uno che ne ha visto di cotte e di crude in questo mondo dopo 41 anni di iscrizione all’ordine dei giornalisti del Molise.

Ordine che ho contribuito ad istituire qui in regione insieme a tanti cari amici che ancora sono sulla breccia, dopo aver diretto giornali locali e avuto corrispondenze sportive nazionali, a cui ancora affido la mia opera, che mi hanno permesso di attraversare in lungo e in largo la Penisola e di commentare avvenimenti di grande spessore nazionale e anche internazionale.

Il lavoro di questi giorni di grande emergenza per il contagio Coronavirus, dei colleghi soprattutto delle Tv e dei collaboratori di testate on line è straordinario, formidabile in un contesto in cui non è cambiato nulla dove si va a caccia in ordine sparso delle notizie messe in “pagina”, però, in maniera egregia corretta e veritiera senza una sbavatura senza alcuna fuga in avanti con un sforzo che avrebbe potuto essere certamente alleggerito se tanti Enti avessero Uffici stampa come si conviene senza che ci aggrappassimo ogni giorno alla benevolenza, alla sensibilità o all’amicizia con questo o con quello con Istituzioni, politici o dirigenti a cui ovviamente in questo momento il nostro lavoro serve anche e soprattutto anche a loro per la diffusione dei loro messaggi.

E allora bravi ragazzi continuate così, bravo Cimino che hai riproposto ancora questo problema sperando che una volta per tutte  finita questo momentaccio si cerchi di tornare a parlare seriamente e soprattutto concretamente quale deve essere il corretto e giusto canale di comunicazione tra le istituzioni locali, qui in Molise, e la Comunità regionale.

E ora diamo spazio al Comunicato del consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Cimino.
“Facendo seguito al mio appello di due settimane fa e alle giuste rivendicazioni e consigli degli organismi istituzionali e sindacali di categoria, sono felice del fatto che persino i più noti scettici, ora sono costretti a dar ragione ai giornalisti. Gli unici eroi che nel rispetto della deontologia, del filtro e della verifica delle fonti, sono riusciti nel meglio delle loro reali possibilità, a fornire informazioni corrette. Con turn i massacranti, la paura e diciamolo pure, i rimproveri dei familiari che li vorrebbero in quarantena con loro. E va il mio plauso ai tanti colleghi che anche in queste ore, sono in auto, in studio, per strada, con le telecamere, a rischiare la propria pelle e quella dei loro cari, per fornirvi informazioni e soprattutto aggiornamenti sul coronavirus.
Molti puliscono persino la redazione e lavorano nei modi più disparati. Nel Molise abbiamo dimostrato a migliaia di cittadini, la nostra vitale importanza che supera il pettegolezzo e le fandonie dei social, ora più che mai, pericolosi sentieri tortuosi di notizie ingigantite, passaparola a vanvera, sentito dire, tutte manipolazioni spesso in grado di gettare nel panico città, province, regioni. In estrema sintesi, la gente ha riconosciuto, scansando il dilettantismo dalla professionalità. A ragione, la credibilità gioca un ruolo fondamentale e le letture sui social iniziano a lasciare il tempo che trovano.
Quando la gente vuole sapere, legge le testate on line, ascolta la radio e vede la tv, quando si tratta di questioni serie, la gente cerca i giornalisti, non altre figure a noi assimilabili. Una giusta conseguenza di tante idiozie e panico diffusi nelle reti, che hanno sancito la vittoria del giornalismo da ciò che giornalismo non è. Per questo motivo, un plauso va ai tanti giornalisti al lavoro, ma un rimprovero va a coloro che potrebbero aiutare la collettività, ma si ostinano a mettere in secondo piano strumenti essenziali per la salvaguardia del diritto all’informazione. Se nel Molise avessimo addetti stampa negli ospedali, nel 118, nell’Asrem, nella Protezione civile, in tanti enti sub regionali, nei Municipi, lavoreremmo meno e meglio.
E invece siamo costretti a rincorrere le notizie, ad aspettare dichiarazioni agli orari di chi decide di renderli noti, ad aspettare l’elemosina del collegamento del politico, il quale poi non avendo l’ubiquità, sceglie finanche la testata. E questo lavoro incessante dei giornalisti non è da meno rispetto agli editori privati, i quali, pur sapendo che il commercio è al collasso, pur sapendo che non ricaveranno nulla in termini economici da questo sforzo, ne riceveranno molto di più in termini di riconoscenza civica. Ecco, forse è giunta l’ora che la gente sostenga l’informazione almeno con un grazie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: