EMERGENZA CORONAVIRUS – Laura Venittelli (Pd) scrive a Ministeri e Prefetti “Fatte gravi violazioni delle linee di indirizzo organizzative”

Laura venittelli
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
DR 5.0 Promozione
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
DR F35 Promozione

CAMPOBASSO – Emergenza coronavirus, Laura Venittelli dirigente del partito democratico in Molise ed ex deputata del Piddi, srcrive all’ on. Roberto Speranza ministro della salute, al Ministro dell’Interno Dott.ssa Lamorgese, al dott. Angelo Borrelli Protezione Civile Roma, al dott. Arcuri,  al dott. Andrea Urbani Ministero della Salute e ai Prefetti di Campobasso e Isernia, facendo rilevare a suo parere gravi violazioni delle linee di indirizzo  organizzative dei servizi ospedalieri in questa fase di contenimento del Covid 19 da parte del presidente della Regione Molise e dei vertici Asrem.

“Con la presente, mi rivolgo alle SS.VV. Ill.me, certa del vs interessamento al caso Molise , piccola regione nella quale ,vengono stralciati giornalmente Indirizzi Operativi , Regole Nazionali e , soprattutto le Linee Guida emanate dal Ministero delle Salute il 25 marzo 2020, a firma del dott. Andrea Urbani,  che prevedono la separazione degli stabilimenti e strutture destinati ai pazienti COVID, dalle strutture da destinare alle patologie tempo-dipendenti NO COVID, nonché il Piano Nazionale per l’utilizzazione prioritaria delle strutture pubbliche e ,solo nell’ultima fase, anche delle strutture private.

Le azioni del Governo Regionale e dell’Asrem, soprattutto negli ultimi giorni, con la sottoscrizione degli accordi con i privati accreditati Neuromed, Gemelli ed altri,  sono state dettate dalla palese violazione delle suddette Linee Guida del Ministero della Salute atteso che , nelle citate  cliniche, così come  nell’Ospedale  Cardarelli di Campobasso e , da oggi , negli ospedali di  Termoli e Isernia,  verranno ricoverati malati COVID-19, nonostante la presenza in altri reparti dei medesimi ospedali e delle medesime cliniche , di malati oncologici e/o  malati con patologie tempo dipendenti  No Covid. CIO’ E’ ASSURDO!

Quanto sopra è aggravato dal fatto che la regione Molise potrebbe avvalersi degli Ospedali di Larino e Venafro, Ospedali che , seppur a tutt’oggi inutilizzati, sono muniti  di sale operatorie e di tutto il necessario per fronteggiare questa emergenza e per differenziare i ricoveri.

Ciò è ben chiaro agli organi regionali , tant’è che in un primo momento , in occasione della riunione del 12 marzo 2020, veniva chiesto ed ottenuto dalla struttura commissariale ( dott. Giustini e  dott.essa Grossi )  il nulla osta al programma dell’Unità di crisi regionale che prevedeva , nella quarta fase , la riapertura delle strutture pubbliche di Larino , Venafro e Agnone. Dopo il rilascio del nulla osta si verificava- inspiegabilmente- il dietro front degli Organi Regionali ( Presidente e vertici Asrem) sulla decisione relativa ai predetti nosocomi per passare, inspiegabilmente alle prestazioni delle strutture private accreditate con ulteriori oneri di spesa a carico della fiscalità molisana.

Nei giorni scorsi numerosi cittadini con raccolte firme on line e oltre 100 sindaci hanno chiesto al Presidente della Regione Molise, al Ministro della Salute , al dottor Borrelli ,capo della protezione civile,  di mettere fine all’inadeguato “piano delle emergenze”  regionale, chiedendo la riapertura dei due Ospedali: il Vietri di Larino ed il Santissimo Rosario di Venafro, che potrebbero essere utilizzati sia come centro Covid che come centri NON COVID data la presenza di sale operatorie (praticamente inutilizzate), laboratori e  tutto quanto necessario per affrontare l’emergenza.

Pochi minuti fa agli organi di stampa è arrivata la nota del commissario ad acta Giustini che denuncia il ricorso da parte del Presidente Toma, in palese violazione degli indirizzi nazionali, alle strutture private in luogo di quelle pubbliche.

Nella Regione Molise non si guarda alle strutture pubbliche esistenti sul territorio e soprattutto non si guarda alla salute dei cittadini in una gestione dell’emergenza che sta creando preoccupazione in tutta la popolazione.

Si pensi, tra le altre cose, che con la destinazione dell’Ospedale Cardarelli di Cb a “Centro HUB COVID regionale” si è resa inutilizzabile l’unica sala rianimazione del centro HUB per le patologie Tempo dipendenti dell’intera Regione. Pregheremo Dio che nulla accada a ciascuno di noi !

Mi rivolgo, pertanto, a tutte le SS.VV Ill.me affinché, nell’esercizio dei poteri conferiti dai Decreti legge e DPCM adottati da Febbraio ad oggi dal Consiglio dei Ministri e Presidente del Consiglio vogliate esercitare i poteri sostitutivi e/o di indirizzo per la tutela del superiore interesse dei cittadini molisani alla salute.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: