“La fede in tempi di coronavirus”, la poesia diffusa dal Cappellano di Neuromed a Pozzilli e Vice Parroco dei Ss. Simeone e Caterina a Venafro

Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro

VENAFRO – Pubblichiamo ben volentieri una significativa poesia in dialetto napoletano scritta da un uomo di Chiesa, a testimoniare il momento difficile che si sta vivendo e diffusa da P. Giuseppe Cellucci, Cappellano di Neuromed a Pozzilli e Vice Parroco dei Ss. Simeone e Caterina a Venafro.

Il suo autore é Don Raimondo Di Rienzo. Il titolo è “La fede in tempi di coronavirus”.

Il testo : “Signore mio, ma che stai cumbinann? Contagi, morti, paura dint’ all’ossa! E ognuno spera e se scampa’ sta fossa! Ma comme? Tu sì Padre e fai stu poco? E quantu spazio tieni poi Tu lloco? Pecché ce stai facenn suffrì tanto? Io non ti riconosco francamente! Pare che accire ‘o buono e ‘o malamente! ‘A gente sta mpazzenno dint ‘e case e ‘a dint ‘a quarantena esce e trase! Nisciuno ‘vo capì che non si esce, seno sta quarantena nun fernesc! Ncopp ‘e balcun’ lumini, drappi, cartelli colorati. ‘A na cert’ora pare na festa ‘e piazza! Sarà a paura? Fede? Oppure stamme ascenn’ tutt’ pazz? A gente prega e canta pa’ paura, pecché mo simme over tutti uguali: ‘a naso ‘e cane nun ten’ educazione e addò se mett’ ‘e posta fa rammaggio!

Figliu mio bello -risponne ‘o Patetern- te si sfugato? E mo stamm a sentì! Spalanca ‘o core e ‘a mente e sienti bbuono: Io nun manno castighi, Io non uccido! Nun voglio ‘a morte, bramo conversione! Stu male dilagante nun è ‘o mio! Nun è nestiere mio… Io song Dio! Io che v’aggiu criati per Amore ve distruggesse con tanto livore!?! Stu male è subdolo, striscia ed é silente… E tutto chesto nun t’arricorda niente? P’ogni figlio che soffre, soffro anch’io: pecché so Padre, Madre e song Dio! E tutti chisti muorti nun ‘e voglio!  Ma quando ‘a lloc parteno Io l’accoglio! Stu virus é micidiale, è devastante… ma Io sto cca’ e non vi lascio soli! Mio Figlio jettaie ‘o Sangue per ognuno! Per Me siete preziosi: uno ad uno! ‘A gente more, mentre aiuta all’ati. Ognuno serve ‘a vita come può! Chistu momento triste e doloroso passerà ambress, ‘a vita turnarrà! Ma ‘ncopp ‘a terra ‘a vita ha da cagnà! Basta cu l’egoismo e ‘a prepotenza: basta cu l’arroganza e ‘a strafottenza! Che ognuno impari bene la lezione: stu munno senza ‘e Me é un calderone! Io faccio ‘a parte mia…, ma vuje  facite ‘a vostra! Nun ce se po’ tuccà, non ci si abbraccia… Ma ‘o bene nun se fa solo cu ‘e braccia! Spalanca ‘o core e abbraccia senza braccia! Comme se fa…? Guarda a Mio Figlio n’ Croce: cu ‘e Mane trapassate, t’accarezza; cu ‘e braccia crocifisse, abbraccia ognuno; E appiso ‘a chella Croce, parla, ma senza voce! ‘O bene nun se fa solo cu’ ‘e braccia! Spalanca ‘o core… e abbraccia senza braccia!”.

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
fabrizio siravo assicurazioni
colacem

OPERAZIONE VERITÀ »

FASCICOLO ELETTRONICO SANITARIO »

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

Esco Fiat Lux Scarabeo
error: