REGIONE – Consiglio telematico, Toma “In Molise il picco fra 10-15 giorni”. “Vietri” e “Caracciolo” solo se si satura il pubblico

REGIONE Molise, Consiglio telematico, Toma, emergenza coronavirus
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Al centro del dibattito la gestione dell’emergenza Cornonavirus in Molise, ieri oggi e domani. Niente di nuovo sul taccuino del giornalista spettatore anche quest’ultimo in videoconferenza se non la constatazione di una ripetizione pedissequa, fotocopia, dei tanti comunicati stampa arrivati in questi giorni in redazione che hanno trovato, senza alcuna sorpresa, conferma nei contenuti degli interventi di oggi.

Una presa d’atto perciò alla presenza del presidente Toma  anche lui con il lapis sulla carta a prendere appunti promettendo aggiustamenti di qua e di là laddove sarà possibile e rispondendo a qualche spunto di polemica arrivato soprattutto dal consigliere Greco del M5S.

In apertura di seduta il Presidente Micone ha ricordato le persone che hanno perso la vita a seguito del contagio da Covid 19, esprimendo cordoglio alle famiglie e vicinanza a coloro i quali risultano ora positivi al test per il virus. Il Presidente ha anche sottolineato  l’eccezionale impegno profuso da tutte le istituzioni sanitarie, di sicurezza, di protezione civile e locali, oltre ai tanti lavoratori impegnati quotidianamente nella fornitura dei servizi essenziali.

Il Consiglio ha quindi osservato un minuto di silenzio per tutte le vittime da Covid in Molise. Qui l’intervento del presidente della Giunta regionale, Donato Toma, che ha informato il Consiglio regionale sulla lettera inviata da lui e da tutti i componenti del PPE della delegazione italiana in seno al Comitato delle Regioni europee per chiedere al Presidente di quel Consesso di farsi portatore, presso le massime istituzioni comunitarie, della consapevolezza di come l’emergenza Covid sia al tempo stesso la crisi più grave e l’opportunità di maggiore rilancio della storia della UE.

Il Presidente Toma ha quindi voluto fornire al Consiglio i dati aggiornati sulla diffusione del contagio in regione e sulla gestione dell’emergenza Covid. In particolare il Governatore ha ricordato che: sono stati eseguiti 953 tamponi, 821 dei quali negativi, mentre 132 sono positivi; 26 pazienti risultati positivi al virus sono ricoverati nell’Hub Cardarelli, 17 sono ricoverati in malattie infettive e 9 in terapia intensiva; 87 persone in isolamento, 72 persone asintomatiche e 15 dismesse dagli ospedali; 174 soggetti sono sotto sorveglianza; 3 pazienti risultano guariti; i deceduti sono 9; i pazienti positivi presso il Neuromed sono 9.

Il Presidente della Regione ha evidenziato come si sia registrato un picco di contagi intorno al 26 marzo, cui è seguito una diminuzione dei ricoveri, tanto da far registrare che al momento la crescita del contagio sembrerebbe frenata.

“Un risultato che si è potuto registrare  – ha sottolineato il Presidente – grazie alle misure di distanziamento sociale poste in atto sul territorio; misura che sembra essere il principale strumento per  rallentare e poi sconfiggere il virus. I prossimi 10-15 saranno molto importanti per comprendere l’evolversi della situazione“.

Condizione evidenziata anche dallo staff di studio e monitoraggio epidemiologico istituito presso l’Asrem, che ha svolto uno studio statistico di previsione, addirittura aggiornato per quartieri delle città più grandi, funzionale ad isolare eventuali catene di contagio.

Toma ha quindi dato notizia al Consiglio di aver, a tempo debito, provveduto a costituire l’Unità di Crisi regionale, che è la cabina di regia per la gestione dell’emergenza sul territorio molisano e dato notizia della costituzione di un  Comitato tecnico scientifico per l’emergenza epidemiologica da Covid 19 composta dal professor Giancarlo Ripabelli Ordinario di Igiene Generale e Applicata presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute dell’Unimol, coordinatore, dai dottori Felice Di Donato e Nicandro Buccieri, rispettivamente  esperti di epidemiologia e medicina legale.

Il Comitato coadiuva l’Unità di crisi nella varie decisioni chiamate ad assumere quotidianamente. Il Presidente ha quindi riassunto le principali previsioni del Piano pandemico regionale stilato dall’Asrem e decretato dal Commissario ad acta del Governo per il rientro dal deficit sanitario. Toma ha ricordato in particolare il proprio ruolo di stimolo per le decisioni, che però sono assunte dall’Asrem, soprattutto riguardo alla proposta operativa del Piano, e dal Commissario ad acta, per l’emanazione del provvedimento.

Nell’illustrare le 4 fasi della gestione del Piano operativo sui posti attribuiti alla gestione dell’emergenza Covid, il presidente della Regione ha evidenziato di aver sempre sostenuto che l’intervento dei privati accreditati è previsto solo nella IV fase, e solo se le strutture sanitarie pubbliche saranno saturate e impossibilitate a gestire la situazione autonomamente. L’impegno previsto per i privati accreditati Gemelli e Neuromed, è in termini di posti di terapia intensiva e degenze protette, mentre per le altre più piccole strutture convenzionate, vi è la disponibilità ad accettare pazienti no Covid che dovessero pervenire dall’eventuale saturazione delle strutture ordinarie pubbliche.

Toma ha anche ricordato le motivazioni tecnico-giuridiche che hanno portato all’individuazione del Cardarelli quale hub regionale Covid, per il quale, però, sono stati assicurati percorsi distinti tra degenze ordinarie e Covid, garantendo a ciascuno la massima sicurezza. Per quanto riguarda i tamponi per i test per la verifica del contagio da virus, il presidente della Giunta regionale ha dato notizia della richiesta fatta da lui e da altri Presidenti nei confronti del Governo nazionale, nell’ambito delle linee guida del Ministero della salute, dell’aumento dei tamponi sia al personale sanitario e sia alle strutture e ai soggetti da cui si evinca necessità. Richiesta che è stata accettata e tramutata in una circolare del Ministero della salute.

“Queste nuove disposizioni – ha spiegato ancora il Presidente della Regione – dovranno essere recepite dall’attuale Piano pandemico regionale approvato dal Commissario ad acta, anche se l’Asrem, nelle more, ha già iniziato ad attuarle  per i sanitari particolarmente esposti e per tutte le case di risposo del territorio molisano.

Controlli in parte già fatti e in parte in via di svolgimento. Il Presidente della Giunta, infine, ha dato contezza al Consiglio regionale dei dati aggiornati sui presidi protettivi ricevuti dalla Protezione civile nazionale e dagli acquisti diretti dell’Asrem. Materiale di protezione distribuito prioritariamente al sistema sanitario, alle strutture delle forze dell’ordine e della protezione civile, nonchè agli operatori dei servizi di trasporto e della grande distribuzione, così come deciso in seno all’Unità di crisi sulla base della valutazione dell’esposizione al rischio e della funzionalità operativa.

Sono quindi seguiti gli interventi dei vari Consiglieri regionali che hanno espresso valutazioni sulla gestione dell’emergenza Covid 19 in regione, avanzato proposte operative e chiesto informazioni al Presidente della Regione su alcuni punti specifici della varie azioni di contenimento del contagio. In particolare hanno preso la parola i Consiglieri Facciolla, Fanelli, Iorio, Primiani, Nola, Calenda, Manzo, Scarabeo, Tedeschi, De Chirico, A. Romagnuolo, N.E. Romagnuolo, Fontana, Greco, Di Lucente, Matteo e il Sottosegretario Pallante.

Tutti i Consiglieri, con opinioni diverse ma con eguale sensazioni di vicinanza e gratitudine  per tutti coloro i quali si stanno impegnando, in vari modi e funzioni, con grande coraggio e solidarietà, nelle varie operazioni di sostegno alla popolazione molisana in questo particolare momento della storia della regione. Il Presidente della Giunta, ringraziando per il clima collaborativo e dialettico, comunque costruttivo registrato nel dibattito di oggi, ha dato notizia di voler portare in seno alla seduta dell’Unità di crisi di questo pomeriggio gli spunti e le proposte oggi pervenute dai rappresentanti del Consiglio regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: