CONSIGLIO REGIONALE – “Vietri” e “SS Rosario” dovrebbero diventare ospedali Covid. Passa emendamento della maggioranza. Il Pd punta il dito.

ospedale larino venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
DR 5.0 Promozione
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
DR F35 Promozione
Maison Du Café Venafro

CAMPOBASSO – Gli ospedali di Larino e Venafro dovrebbero diventare nosocomi Covid.

Questo secondo un emendamento a una mozione riguardante la materia del Cornoavirus. Una presa di posizione che rientra secondo i consiglieri del Pd, Facciolla e Fanelli, in una giostra di atteggiamenti che diventano in seno al governo regionale mutevoli di ora in ora.

“Di fatto, dunque, la maggioranza ha certificato – dichiarano Facciolla e Fanelli – il dietrofront di Toma che, fino a un minuto prima, aveva difeso a spada tratta l’individuazione dell’ospedale Cardarelli come Hub regionale del Coronavirus. Di fatto, non si capisce quante saranno le strutture miste e quelle specializzate Covid, che noi, in linea con il Ministro Speranza, chiediamo.  Sono stati creati i presupposti tecnici, operativi, sanitari, sociali per rettificare in maniera sensata il piano dell’emergenza finora in vigore in Molise (con tanto di strumentazione, operatori e percorsi già in essere)? Non è dato sapere.

Lo abbiamo chiesto, ma non c’è stata fornita nessuna risposta in aula. Il Piano famoso, dopo il colpo di mano della maggioranza è, dunque, diventato carta straccia. Speriamo non si trasformi tutto in un tremendo pasticcio politico e sanitario, da cui il Gruppo del Pd si dissocia in maniera forte, marcando, ancora una volta, la distanza e la differenza con il Governatore Toma, che ha dato prova ultima e finale della sua inadeguatezza a gestire la più grande crisi sanitaria, economica e sociale della nostra regione.

Non paghi della loro confusione, nonostante gli 11 voti a favore che hanno sancito un risultato politico importante per il PD senza però consentirne l’iscrizione, Toma e la sua maggioranza hanno voluto negare anche la discussione sulle mascherine e i dispositivi di Prevenzione. La mozione presentata dai noi consiglieri del Partito Democratico che chiedevamo di reperire e distribuire gratis (per step) a tutti i molisani le mascherine di protezione, sulla scorta della Regione Toscana e delle regioni più lungimiranti e attente alla salute dei propri cittadini.

Perché secondo il Governatore, le mascherine non servono e, soprattutto, in Molise ci deve pensare lui e non il Consiglio (!). E stasera interesserà della questione il Comitato Scientifico e solo dopo, forse, deciderà in tal senso.

Cosa succederà ora? Cosa accadrà all’ospedale Cardarelli? E quando e come il Vietri sarà trasformato in hub regionale Covid (è cosi’)? E Venafro? Come farà Toma a trasferire a Larino i reparti di Malattie Infettive, Rianimazione, Laboratorio Analisi e tutte le altre Unità Operative necessarie per la gestione sicura – e non “alla carlona” – dei pazienti affetti da Coronavirus?

Non lo sappiamo, perché non lo hanno spiegato. Perché forse nemmeno sanno quello che fanno. Palesandosi, oltre che inadeguati, adesso anche pericolosi.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: