REGIONE – Azzeramento Giunta e surroga consiglieri regionali, ricorso di cittadini

legge
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Azzeramento della Giunta e uscita dei consiglieri supplenti dal Consiglio regionale.

Un gruppo di cittadini alcuni di evidente appartenenza politica al Pd hanno presentato un ricorso al Giudice ordinario per accertamenti sull’ applicazione  da parte del governo regionale sulla legge elettorale n.20 del 2017. Rilevando che potrebbe non essere stata nel caso di specie “rispettata la volontà popolare”. Il ricorso è stato avanzato dagli avvocati Laura Venittelli e Rita Matticoli.

“Per difendere questi saldi principi, nella giornata di ieri un gruppo di persone dal diverso orientamento politico ma accomunati dalla stessa sensibilità e assistiti dalle avvocatesse Laura Venittelli e  Rita Matticoli, si è rivolto al Tribunale di Campobasso per chiedere di accertare se il diritto di voto esercitato alle ultime elezioni regionali di aprile 2018 abbia conseguito tutti gli esiti che la Costituzione vorrebbe: in particolare una rappresentanza proporzionale ai voti presi, esercitata da persone elette, in condizioni di svolgere il proprio mandato in modo libero e autonomo.

Lo ha fatto perché non poteva sopportare che la legge elettorale del Molise, la numero 20/2017, approvata a poche settimane dal voto, continuasse a fare scempio di quei principi di diritto.  Quella legge, come si ricorderà, fu approvata, nonostante i numerosi appelli per una soluzione diversa, con una seduta fiume degna di miglior causa, da un gruppo di consiglieri accomunati dalla pervicace volontà di piegare le regole ai propri interessi elettorali. Il risvolto nefasto di questa legge si è manifestato proprio in mesi e negli giorni con una maggioranza di centrodestra, in buona parte illegittima ed un Presidente che, piegando la maggioranza ai propri diktat, ha fatto dimettere i suoi assessori per assicurarsi il voto sulla legge di Bilancio mostrando di condizionare la composizione dell’assemblea elettiva che dovrebbe controllare il suo operato.

La legge elettorale del Molise, infatti, oltre a prevedere una maggioranza del 60% a chi prende “un voto in più”, indipendentemente da una soglia minima di voti e, quindi, regalando “posti” nonostante l’indirizzo contrario, sul punto, della Corte Costituzionale, ha introdotto il meccanismo delle porte girevoli che comporta la “sostituzione”: se il consigliere diventa assessore viene sospeso dalle funzioni e al suo posto subentra come supplente il primo non eletto; se l’assessore viene revocato torna in Consiglio e il supplente va a casa. La sorte del consigliere supplente e del Consiglio dipende dal presidente della Regione che diventa il manovratore, a suo piacimento, del massimo organo della politica regionale, scegliendo “chi deve entrare e chi deve uscire”, così com’è successo in questi giorni.

E’ per questo che il ricorso al Giudice ordinario si è reso ancor più urgente, in un momento in cui la sospensione delle tante libertà rischiava di far passare in silenzio un atto di arroganza politica di chi, il Governatore della Regione, pensa di poter utilizzare gli strumenti della democrazie a proprio uso e consumo.

Il ricorso presentato contro tale normativa assurda vuole difendere la democrazia e la figura stessa del consigliere regionale che deve poter svolgere la sua funzione con libertà e autonomia di giudizio, come vuole la Costituzione italiana.

Il ricorso è patrocinato dalle avvocate Laura Venittelli e Rita Matticoli e vede firmatari i cittadini Laura Venittelli, Giuseppe Astore, Giuseppe Puchetti, Antonio Vesce, Alessandro Aceto, Davide Apollonio, Ovidio Bontempo, Rocco Tommaso Cappella, Maria Teresa D’Achille, Giuseppe Libertucci, Pasquale Marcantonio, Roberto Pano, Alfredo Puntillo, Oreste Scurti, Antonio Sciandra, Luciano Sposato e Giuseppe Vaccaro.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
pasticceria Di Caprio
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
pasticceria Di Caprio
panettone di caprio
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: