APICOLTURA – L’Alto Molise, il territorio delle api

vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

CASTEL DEL GIUDICE – L’Apiario di Comunità di Castel del Giudice fa nascere nuove aziende apistiche per l’agricoltura sostenibile. In occasione delle Giornata della Terra sono stati posizionati 142 alveari tra i fiori di melo dell’azienda biologica Melise per l’impollinazione.

Dalla giornalista Adelina Zarlenga perviene il comunicato sull’apicoltura in Alto Molise di seguito parzialmente ospitato : “Le api come motore di agricoltura sostenibile, come sfida per il futuro delle aree interne dell’Appennino e garanzia degli equilibri ambientali di un ecosistema malato che deve ritrovare la giusta rotta per ripartire. Il 22 aprile, gli apicoltori e le apicoltrici dell’Apiario di Comunità di Castel del Giudice (IS), in Molise al confine con l’Abruzzo, hanno posizionato tra i meleti in via di fioritura 142 alveari, la casa di oltre 5 milioni di api che per circa 20 giorni danzeranno tra i boccioli delle piante dell’azienda agricola biologica Melise, per impollinare migliaia di fiori di melo dalle più variegate tipologie. Una pratica agricola, quella del “servizio di impollinazione”, complementare all’agricoltura biologica, in sintonia con la tutela del territorio e della sua biodiversità, attraverso metodi di coltivazione che aboliscono l’uso di pesticidi e rispettano la natura e le api, le quali sono garanzia della salubrità dell’ambiente e indicatori di sicurezza alimentare. Grazie all’impollinazione delle api, si produce un terzo del cibo che viene consumato in tutto il mondo. Il posizionamento degli alveari è avvenuto in occasione della 50° Giornata Mondiale della Terra, che si celebra in tutto il pianeta per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di ripensare il nostro rapporto con l’ambiente. Una necessità che non è mai stata così impellente come oggi, in piena crisi climatica ed emergenza sanitaria.

L’arrivo di nuove api nel borgo molisano – che ha improntato il suo sviluppo all’insegna della rigenerazione ambientale e l’agricoltura sostenibile, come strumenti per abbattere lo spopolamento e attrarre nuovi abitanti -, segna anche l’inizio della fase operativa dell’Associazione Apiario di Comunità di Castel del Giudice, che vede il coinvolgimento attivo di 30 neo-apicoltori, i quali dopo il percorso formativo intrapreso nel 2019 grazie alla collaborazione tra il Comune di Castel del Giudice, Legambiente Molise e il Gruppo VOLAPE, ora sono pronti per gestire i loro nuovi apiari e produrre miele millefiori tra le colline molisane e abruzzesi. «Un segnale importante per il nostro paese – spiega il sindaco di Castel del Giudice Lino Gentile – che da anni sta lavorando, con azioni concrete e replicabili, sui temi dello sviluppo sostenibile delle aree interne, e che in questo periodo di emergenza sanitaria a causa del Covid 19 diventa ancora più importante, ai fini delle ripartenza. L’inizio delle attività dell’Apiario di Comunità è doppiamente positivo: sia perché si sono formate nuove piccole imprese che ora entrano nella fase operativa, sia perché si dimostra quanto sia importante l’agricoltura a tutela dell’ambiente per lo sviluppo del territorio. Ed è questa la vera sfida per la rinascita dei piccoli borghi, ma anche per l’intero pianeta».

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: