PROBLEMA CINGHIALI – Coldiretti “In Molise è un’emergenza, c’è bisogno di misure straordinarie”

emergenza cinghiali
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Emergenza cinghiali, il dibattito e il confronto si allarga.

Dopo la presa di posizione di Legambiente sulla modifica della legge regionale venatoria sulla caccia passata attraverso il maxiemendamento al Bilancio, la Coldiretti Molise interessata al problema per i danni enormi apportati dagli ungulati all’agricoltura  precisa:

“Partendo dal presupposto che, se pure rappresentativo di una volontà politica propositiva, l’emendamento approvato non è sicuramente risolutivo del problema, visto il numero oramai fuori controllo, dei cinghiali sul territorio, Coldiretti Molise pone l’accento sulla necessità di formulare proposte concrete,  abbandonando la faziosità della critica fine a se stessa, rispetto a quanto è stato sino ad oggi messo in campo per cercare di arginare i gravissimi problemi creati dall’aumento incontrollato dei cinghiali.

E’ giusto che ognuno esprima le proprie opinioni ed anche il proprio dissenso ma è altrettanto importante che alla critica segua una proposta che sia però anche concreta e realizzabile. Questo non è più il tempo del “no a prescindere”; è giunto il momento di agire in maniera ferma per risolvere definitivamente un problema fuori controllo che sta annientando un intero settore produttivo della regione, quello primario, oggi più che mai indispensabile all’intero Paese.

E’ oramai sotto gli occhi di tutti che l’aumento smisurato del numero di cinghiali – ricorda Coldiretti – non si “limita” a causare la distruzione di campi e raccolti, portando sul lastrico decine di imprenditori, ma è diventato anche un problema di pericolosità sociale con interi branchi che aggrediscono le persone e provocano incidenti stradali a volte anche mortali.

Va, inoltre, definitivamente sfatata, se ve ne fosse ancora bisogno, la concezione  secondo cui gli imprenditori agricoli mirano ai risarcimenti. I nostri agricoltori non cercano indennizzi, vogliono semplicemente essere messi in condizioni di lavorare e produrre, per l’intera collettività, in sicurezza; per questo il danno da fauna selvatica deve tornare ad essere un “minimo rischio d’impresa” e non, come è oggi, la calamità che distrugge le aziende e le costringe a chiudere.

Rimane ferma la volontà dell’Organizzazione di veder riconosciuto, da parte del Governo regionale, lo “stato di emergenza”, consentendo l’adozione di strumenti straordinari per far fronte ad una situazione di per se stessa di carattere straordinario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: