CAMPOBASSO – Niente pistole ai vigili ma radio portatili, nuova delibera comunale

CAMPOBASSO - Niente pistole ai vigili ma radio portatili, nuova delibera comunale
pasta La Molisana
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO –  Dietro front dell’Amministrazione comunale di Campobasso.

Niente acquisto di pistole per una nuova  dotazione ai vigili urbani nell’ambito del progetto Scuole sicure ma soltanto radio portatili di cui gli stessi agenti della strada ne sono sprovvisti. Questo soprattutto dopo le tante proteste di Associazioni e Comitati e dell”opposizione in aula a palazzo San Giorgio  che si erano dichiarati nettante contrari ad un’operazione di quel tipo.

“Quest’oggi, attraverso una nuova Delibera di Giunta (la numero 95), così come avevo preannunciato nei giorni scorsi, – ha fatto sapere il sindaco di Campobasso Roberto Gravina – abbiamo revocato e sostituito la precedente delibera 81, per intenderci quella che fa riferimento al progetto Scuole Sicure di cui si è tanto parlato.

Va ribadito che anche con questa nuova delibera il progetto insiste con l’acquisto di dispositivi in capo alla polizia locale, – ha specificato Gravina – ma abbiamo ritenuto, per rispettare la sensibilità dei rappresentanti del mondo della scuola, sia dei docenti che degli studenti, di fare una scelta diversa, dirottando quei soldi su un altro tipo di strumentazione necessaria alla Polizia Locale, ovvero le radio portatili, visto che i nostri agenti ne sono sprovvisti e risultano essere comunque tra le dotazioni obbligatorie. Il tema degli armamenti della Polizia Locale sarà spostato, ne confermiamo la scelta perché è un obbligo di legge; come specificato in delibera, ci sarà un’apposita capienza nel capitolo di bilancio per far fronte proprio a questo.”

“Tengo a ricordare e precisare – ha aggiunto il sindaco Gravina – che solo il 5% dei fondi previsti per il progetto denominato Scuole Sicure può essere destinato per le campagne informative e di sensibilizzazione e, come del resto già era previsto precedentemente, svilupperemo questo aspetto del progetto avvalendoci di figure specializzate, ovvero uno psicologo e due assistenti sociali.”

Sono previsti, tra le metodologie che verranno utilizzate per il progetto, interventi di prevenzione e sensibilizzazione sul tema delle dipendenze nelle scuole, attraverso proiezioni di filmati sull’argomento e slide, dibattiti e questionari, illustrazioni delle diverse tipologie di dipendenze con cause, effetti e forme di recupero, nonché l’illustrazione dei vari servizi o strutture, strumenti e del personale coinvolto.

Ci sarà poi un intervento psicologico sul tema delle dipendenze nelle scuole volto ai processi di sensibilizzazione e prevenzione sulle dipendenze con l’obiettivo non solo di informare, ma di permettere ai ragazzi di sperimentare, entrare in contatto ed elaborare vissuti legati all’uso e abuso di sostanze stupefacenti e di conoscere il complesso ed articolato mondo delle dipendenze, attraverso la modalità esperienziale di giuochi d’aula come “role playing”, simulate e la somministrazione di questionari atti a rivelare le difficoltà e i bisogni principali su cui implementare, eventualmente in futuro, interventi sempre più mirati.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: