COVID 19 – Contagi in comunita’ Rom, Sarachella: “colpa dei Rom? Ma noi non siamo untori” 

sara-cetty
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Dopo i casi positivi all’interno della comunità nomade del capoluogo regionale, interviene con una nota Concetta Sarachella, presidente Associazione Rom In Progress e presidente nazionale UCRI (unione comunita’ romanes in Italia), mettendo in guardia sul rischio che l’attuale pandemia aumenti il razzismo e le discriminazioni, lanciando un appello «E’ una pandemia mondiale e non puo’essere connotata etnicamente».

“E’ il momento della solidarietà e della pronta assistenza sanitaria ai contagiati e non dell’odio razziale. – dice Concetta Sarachella Presidente dell’Associazione Rom In Progress – Sono bastati alcuni articoli sul rischio di recrudescenza del Covid 19,  volgarmente noto come coronavirus, articoli che menzionavano il termine etnia Rom, riferito ad alcuni cittadini di Campobasso in relazione ad un caso di diffusione del contagio, per far ripiombare un’ intera comunità in quello che noi chiamiamo l’anno zero: l’odio determinato da quel mix micidiale di paure ancestrali e di ignoranza, che spingono ad identificare in una minoranza, già da troppi anni ghettizzata ed emarginata, la responsabile della diffusione del contagio, e che ci ricorda tanto da vicino quei tempi, che si pensavano definitivamente archiviati ma che evidentemente sono ancora  presenti  nella memoria collettiva, e che vedevano nell’Ebreo l’avvelenatore dei pozzi, il capro espriatorio untore e responsabile della peste nera ai tempi del Medioevo e oltre.

E’ evidente che l’atteggiamento discriminatorio nei di confronti della popolazione Rom è pronto ad esplodere in ogni momento, non appena si evochi il termine “etnia Rom” e che putroppo è sempre associato dagli organi di stampa ad eventi spiacevoli.

E quanto  mai necessario agire con tempestività al fine di evitare fenomeni ulteriori di ghettizzazione ed istigazione all’antiziganismo e di agire uniti e risoluti in questo momento delicato e difficile.

Tengo inoltre a precisare che come tutti i cittadini, anche i rom, cittadini italiani, hanno rigidamente rispettato le regole.

Coloro che non hanno rispettato le decisioni del governo per il bene di tutti si distinguono, non in base all’origine culturale, ma solo e soltanto sulla base della mancanza di senso civico.

A tal proposito, poichè migliaia di cittadini si sono riversati nelle strade, molti ammistatori hanno dovuto porre rimedio, ed anche il nostro sindaco di Isernia, ha limitato l’accesso alla località  Le Piane, non a causa del comportamento di alcuni elementi della comunità Rom, ma a causa dei vari assembramenti avvenuti dagli ultimi giorni.

Voglio infine ribadire, – conclude Sarachella– a partire da me stessa l’importanza del rispetto delle regole imposte, è determinante per la tutela di noi stessi e degli altri e per il superamento di questa grave emergenza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: